Magazine Sabato 28 aprile 2001

Sesso e temperamento

Magazine - In Sesso e temperamento (Il Saggiatore, Milano, 1994) Margaret Mead scrive:

Nel 1931, quando mi misi in campagna, mi proponevo un solo problema: lo studio del “condizionamento delle personalità sociali dei due sessi”, sperando che una simile ricerca avrebbe gettato luce sulla differenza dei sessi.

Ma dopo due anni di lavoro constatai che il materiale raccolto gettava luce piuttosto sulle differenze di temperamento, vale a dire sulle qualità individuali innate, a prescindere dal sesso. Ne conclusi che, se non fossimo riusciti a comprendere a fondo in che modo una società riesca a dare a tutti gli uomini e a tutte le donne che nascono nel suo interno un ideale approssimativo di comportamento congeniale soltanto, in origine, a un numero limitato di individui, oppure riesca a limitare a un sesso un ideale di comportamento che un’altra società limita al sesso opposto, non avremmo potuto iniziare un discorso intelligente sulle differenze dei sessi.

Nicla Vassallo (ricercatrice di Filosofia all'Università di Genova ed esperta di filosofia angloamericana).

vedi anche Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo
e l'intervista Leggi l'articolo .

Sesso e temperamento, Margaret Mead
Il saggiatore, pp. 364 ca, Euro 11,50 Prezzo di copertina




di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male

Oggi al cinema

C'eravamo tanto amati Di Ettore Scola 1974 Guarda la scheda del film