Magazine Martedì 26 maggio 2009

'Shakespeare scriveva per soldi' di Nick Hornby

Magazine - Per rubare le parole a Salinger: «I libri che preferisco sono quelli che appena li finisci di leggere, vorresti che l'autore fosse un tuo amico, e che lo potessi chiamare ogni volta che vuoi». Nel caso in cui tra gli scrittori che amate ci fosse Nick Hornby, Shakespeare scriveva per soldi vi consentirebbe un ribaltamento interessante: sarebbe il vostro autore preferito a coinvolgervi in una chiacchierata quando finisce di leggere. Nel libro sono infatti raccolte le puntate della rubrica di critica letteraria da lui tenuta sulla rivista The believer tra il 2006 e il 2008.

Parlare di critica però non è preciso: più che altro sono consigli di lettura.
Inoltre un libro composto riciclando articoli già pubblicati altrove, potrebbe sembrare una mera trovata commerciale. E in effetti lo è. Ma c'è da dire che la formula funziona a meraviglia: se vi piace leggere e non possedete già tutti i numeri di Internazionale in cui compaiono questi brani, il libro vale quel che costa.

Ci sono tre ragioni per cui la formula funziona.
La prima è che Nick Hornby ha un meraviglioso senso dell'ironia e dell'autoironia: ha uno sguardo gentile, mitigato da una vena di tiepido cinismo. È rassicurante.
La seconda è che Hornby non tiene mai il suo lettore a distanza: lo guarda negli occhi e lo fa sedere sulla poltrona del suo salotto. Non cerca di apparire umile o compiacente: è onesto e diretto, e privo di vezzi da aristocrazia intellettuale (anzi, afferma di leggere perché è terrorizzato dalla propria ignoranza), anche a rischio di risultare un po' superficiale. Questo è fondamentale: quando si ha una conversazione con un estraneo e si cerca di non risultare superficiali, di solito la conversazione è orribile.

Infine, Hornby ha gusti davvero singolari: la maggioranza delle sue letture sono saggi di argomento sportivo, romanzi per adolescenti (ovvero "libri per adulti non pallosi") e biografie musicali. Il che ha uno svantaggio e un vantaggio. Lo svantaggio è che con tutta probabilità si tratta di volumi che non leggerete mai (non in Italia per lo meno). Mentre il vantaggio è che racconta un sacco di cose di cui difficilmente avrete già sentito, con una particolare propensione per le informazioni curiose (e a chi non piacciono le informazioni curiose?). Le stesse che hanno incuriosito lui mentre leggeva i libri.

Ecco ad esempio un paio di righe dedicate a una questione che mi sembra di un certo peso: «Adesso vi dico quel è la migliore definizione di bel romanzo che finora mi sia capitato di trovare - anzi, mi sa tanto che è l'unica definizione di bel romanzo che valga qualcosa. Un bel romanzo è un romanzo che ti fa correre al computer a cercare foto di prostitute su Internet».
Dopo una verità tanto densa, mi sembra francamente inutile aggiungere altro.

di Giorgio Viaro

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Un piccolo favore Di Paul Feig Drammatico 2018 Ho bisogno di un piccolo favore. Mi puoi prendere Nicky a scuola? È questa la semplice, comune richiesta che l'affascinante Emily fa alla sua nuova amica Stephanie, prima di sparire senza lasciare traccia. Mamma single tuttofare, vlogger per passione... Guarda la scheda del film