Magazine Venerdì 22 maggio 2009

Un sogno ricorrente: «una pozzanghera sotto il letto»

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Buonasera,
mi chiamo Letizia e mi incuriosisce sapere il significato del sogno che faccio da qualche giorno. Premetto che è un po' strano.
Sogno la camera dove dormo con il mio ragazzo. Fuori piove. Il letto matrimoniale è vuoto. Guardo sotto il letto è vedo una pozzanghera che si è formata a causa di gocce d'acqua che piano piano cadono dal soffitto e bagnano il materasso in un punto.
Mi saprebbe aiutare a capire il significato?
La ringrazio moltissimo.
Letizia


Salve Letizia.
Premetto che i sogni sono sempre strani, e questo è uno dei motivi per cui, spesso, ci incuriosiscono. Ad alimentare la nostra voglia di capire è poi il fatto che, ripetendosi nel tempo o lasciando delle tracce emotive nei nostri ricordi, effettivamente ci portano a pensare che siano realmente importanti. In effetti alcune volte lo sono davvero, mentre altre volte, anche se intensi, non hanno nulla da aggiungere a ciò che già sappiamo.
Ma forse, l'aspetto più importante non è la necessità di decodificare con precisione un sogno, quanto la possibilità che il sogno ci dà di riflettere su alcune sfaccettature della nostra esistenza che nella nostra vita cosciente tralasciamo, o che ci sfuggono prima ancora di essere capite.
E quindi le fornirò alcuni indizi che poi, se vorrà, potrà ricomporre come meglio crede o come meglio si adattano alla sua situazione.

Fuori piove, e gli elementi naturali spesso indicano un collegamento con i sentimenti: ma se l'acqua è un elemento femminile, la pioggia potrebbe non esserlo così tanto ed esprimere un sentimento malinconico.
Un letto, specie se matrimoniale, ha un riferimento più preciso e di certo parla dei rapporti, più o meno fisici e più o meno intimi, tra due persone, mentre la pozzanghera sotto il letto potrebbe essere il distillato, o meglio, il risultato del passaggio di quelle emozioni, che attraverso un rapporto più concreto si trasformano un qualche cos'altro, forse meno entusiasmante.

A questo punto mi verrebbe da dire che, in questo momento, in una delle sue relazioni affettive si è stupita nel dover constatare che alcune emozioni o alcune premesse si sono rivelate inferiori alle aspettative.
Nulla di grave, ma forse sufficientemente triste da averla colpita più del previsto.
Cosa ne dice? Questa spiegazione può esserle d'aiuto?
Spero di si.
Saluti.

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre , «Preferisco stare con le mie amiche anziché con il mio ragazzo: Cosa mi succede?» , Paura di essere omosessuale, lo sfogo di un ragazzo e la risposta dello psicologo , «E se fossi lesbica?»: forse è solo paura e ipocondria , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria

Oggi al cinema

Hannah Arendt Di Margarethe Von Trotta Drammatico Germania, Lussemburgo, Francia, 2012 Scappata dagli orrori della Germania nazista, la filosofa ebreo-tedesca Hannah Arendt nel 1940 trova rifugio insieme al marito e alla madre negli Stati Uniti, grazie all'aiuto del giornalista americano Varian Fry. Qui, dopo aver lavorato come tutor universitario... Guarda la scheda del film