Magazine Venerdì 15 maggio 2009

S.O.S. single: il nuovo libro di Giorgio Gazzolo

Martedì 19 maggio 2009, ore 17, il nuovo libro di Giorgio Gazzolo S.O.S. single, sarà presentato a Genova nella Sala dell'Accademia di Belle Arti.
Lo psichiatra Romolo Rossi, il magistrato Adriano Sansa, Giovanni Meriana, professore, Camillo Milli, attore, parteciperanno all'incontro.

Magazine - S.O.S. Single (Piccin Nuova Libraria, pag. 169, 9.80 Eu). Mancava proprio in libreria un manualetto di istruzioni per rifarsi una vita se, malauguratamente, si torna a dormire dopo tanti anni in un letto ad una sola piazza. Il libro di Giorgio Gazzolo è rivolto agli uomini che sono stati abbandonati dalla propria moglie, e che sono costretti a costruirsi una nuova esistenza.

Luisa se ne è andata da ormai sei anni. All'inizio c'è stato del tempo per pensare e per riprendere i contatti con qualche vecchio amico. Poi la fatidica domanda: ma quanta pasta devo buttare in pentola per ottenere una dose destinata ad una sola persona? In genere ne viene fuori troppa e il giorno dopo è molliccia e immangiabile. La consapevolezza di essere rimasti soli nasce a volte dalle piccole cose quotidiane.

E allora meglio rimboccarsi le maniche. Più che un libretto di istruzioni e consigli, S.O.S. Single assomiglia ad uno sfogo. I paragrafi affrontano temi che riguardano la vita di tutti i giorni: il tempo (come organizzarlo?), l'ex moglie (come dimenticarla?), l’amore verso il prossimo (ma è necessario voler bene a tutti?), la gelosia (come ho fatto a non capire che lei aveva un altro?), il sesso (come riprendere a farlo?).

Niente istruzioni per l’uso, dicevamo, ma riflessioni rivolte a sé e agli altri single per destino (e non per scelta). Perché restare soli ad una certa età non è lo stesso che iniziare una nuova vita quando si è giovani e pieni di prospettive. D’altra parte le statistiche dimostrano che, anche nelle coppie di una certa età, le separazioni sono in aumento. Il patatrac sentimentale può essere simile ad una bufera. Il protagonista del libro tenta di rimettere assieme i cocci con ironia, un pizzico di cinismo e un po’ di malinconia, senza mai dimenticare una storia d’amore importante ma ormai conclusa.

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

8 ½ Di Federico Fellini Drammatico Italia, 1963 Guido è un regista, quarantenne, un po' stanco. Tutto ciò che lo riguarda è stanco: il rapporto con la moglie, col suo produttore, con gli amici, persino con l'amante. Naturalmente l'ispirazione si è fatta sottile, le idee... Guarda la scheda del film