Magazine Sabato 9 maggio 2009

Memoria d'autunno di Hervè Gaymard

Magazine - Questo libro smilzo, Memoria d’autunno - Al Piccolo San Bernardo con Mario Rigoni Stern (Hervè Gaymard, Liaison 2008, 33 pp., 12 Eu), è stato premiato a Trento. Poche pagine incise dentro ciò che l’anima ha sentito. Al mattino, all’alba, quando le voci del campo di concentramento cominciavano a svegliarsi.
Mario Rigoni Stern visto ad Asiago, al mattino presto, quando i suoi incubi si dissolvevano come nebbie ed il caffè voleva dire essere tornati ad un respiro domestico un tempo sognato solo di notte. La scrittura è sofferenza, e la scrittura del dolore ha salvato – per noi – Mario Rigoni Stern da un suicidio come quello di Primo Levi. Amaro, smorfiante a distanza di tanti anni. Mentre il vecchio dell’altopiano è riuscito a ricucire quella beffa interiore che lo aveva lacerato, Primo Levi ne è rimasto vittima. Silenziosa è la forza del dolore. È una piena maledetta.

Gaymard, in 33 pagine come gli anni di Cristo, isola punti nodali di Rigoni Stern. La sua vita in continuo movimento, la sua passione per una scrittura robusta, fatta di nodi semplici, piena di voci dal bosco. È stato, quest’uomo con barba e pastrano che cammina in copertina, un vero sergente della penna. Un classico della letteratura che ha avuto bisogno di una guerra spaventosa per cacciare i mostri dalle loro tane.
All’apice del dolore, ha saputo ributtarlo indietro o da dove veniva. Con la grazia di certi animali dei boschi. Ecco perché tutti i suoi libri parlano la stessa lingua de bois delle volpi, martore, allodole o cuculi. Prendendo i loro frulli, e la loro vita naturale, Rigoni Stern si è difeso dalla violenza offensiva di una guerra orfana e bastarda.

Hanno detto di questo libro che segna in qualche modo un avvicinamento tra la Savoia e la Val d’Aosta. Forse, anche. Più di tutto, però, è l’evolversi del dolore in una dimensione che soltanto gli angeli, o le martore quando la luna imbianca il bosco, sanno prendere ai nostri occhi. Per non lasciarla più.

di Alberto Pezzini

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Alita Angelo della battaglia Di Robert Rodriguez Fantastico 2019 Un budget da 200 milioni di dollari, un coproduttore come James Cameron, qui anche cosceneggiatore, un regista cult come Robert Rodriguez e un manga ancor più cult: Alita - Angelo della battaglia del fumettista giapponese Yukito Kishiro.... Guarda la scheda del film