Teatro Magazine Lunedì 23 marzo 2009

Concerti e prosa sui palchi in Liguria

Magazine - Un lunedì straordinariamente affollato questa settimana con musica prosa e il primo appuntamento della quattordicesima rassegna delle Grandi Parole al Teatro della Corte. E siccome tanti sono i debutti offerti dalla prosa questa settimana, partiamo dai titoli di questa per poi segnalarvi le tante proposte di musica sui palcoscenici.

Dunque due debutti lunedì 23 di due nuove produzioni genovesi, una al Modena del Teatro dell'Archivolto, Spoon river, da Fabrizio De Andrè e Edgar Lee Masters, l'altra al Teatro della Tosse, per la regia di Emanuele Conte, con Alessandro Bergallo: BOX. In scena fino al 9 aprile, Spoon river, di cui ha curato la regia e la drammaturgia Giorgio Gallione, su una coreografia di Giovanni Di Cicco, scene/costumi Marcello Chiarenza, musiche originali Mario Arcari, con L. Alberti, F. Bandiera, E. Bossi, M. Cerruti, F. Faldi, E. Friso, R. Maranzana, R. Naddeo, F. Zaccaria, A. Zavatteri, intreccia suggestioni letterarie e poetiche con gli stili e i linguaggi del teatro danza, per una tragicomica commedia umana che intreccia i destini, le confessioni, le memorie, di una piccola comunità di defunti per raccontare meschinità e limiti, ma anche le utopie. Da mercoledì 25 riprende all'Archivolto la rassegna Notturno in danza 2, pillole di danza in seconda serata a cura di Dergah Danza Teatro, per la direzione artistica Giovanni Di Cicco.
Fra teatro, cabaret e pura follia Alessandro Bergallo in Box indaga le angosce del quotidiano nell'ambiguità tra voyerismo e psicoterapia di gruppo - alla Tosse fino a sabato 28 marzo.
Sul palco del Teatro della Corte primo appuntamento della rassegna Grandi Parole intitolata Fare gli italiani, dove lo storico Giovanni De Luna condurrà il pubblico lungo il percorso dei 'Progetti d’identità', di quasi 150anni di storia (1861-2011), su letture interpretate da Eros Pagni e Elisabetta Pozzi - ingresso libero, ore 20.30. Sabato 28 subito il secondo dei cinque incontri Fare gli italiani, alle ore 16.30, sempre alla Corte questa volta sul tema Scuola, lingua, cultura, proprio con l'autorevole figura di Tullio De Mauro nel ruolo del conduttore, e letture interpretate da Laura Marinoni e Tullio Solenghi.

Doppia occasione per seguire il lavoro di Davide Enia al Teatro Duse dove martedì 24 (e fino al 26), è in scena la prima parte di I capitoli dell'infanzia 1: Antonuccio si masturba, di e con Davide Enia (anche regista), scene Giorgio Regina, musiche originali dal vivo Giulio Baroccheri, Rosario Punzo, luci Giorgio Cervesi Ripa, mentre da venerdì 27 - fino al 29 - sul palco la seconda parte I capitoli dell'infanzia 2: Piccoli gesti inutili che salvano la vita: tasselli di un ciclo di storie che segue l’intero arco della vita di tre fratelli, a Palermo, che quando nascono per la scena hanno rispettivamente 12, 13 e 14 anni: il più grande è Angelino, che muore in guerra; il mezzano è Antonuccio, alle prese con la sessualità e il piccolo, Asparino amante degli alberi e futuro custode dei segreti della città.
Debutto anche al Teatro Garage, venerdì 27 (in replica fino al 29) con il nuovo testo di Maria Grazia Tirasso, Il silenzio nel deserto, con Raffaele Casagrande, Andrea Carretti, Giuliana Manganelli, Luigi Marangoni, regia Fabrizio Giacomazzi, una coproduzione tra la compagnia Studio Associato Attori e Il Sipario Strappato: storia che racconta di due grandi solitudini, solo apparentemente differenti perché vestite con abiti diversi, e sullo sfondo Madre Teresa di Calcutta. Al Teatro del Ponente di Voltri il Teatro Cargo ospita Il giardino dei ciliegi
di Anton Cechov, in una produzione tesa a rendere ancora più attuale uno dei capolavori del '900, della compagnia COMTEATRO.

Proseguono da martedì 24 (fino al 9 aprile), al Teatro della Corte, le repliche della nuova produzione del teatro Stabile di Genova L'anima buona del Sezuan, di Bertold Brecht, versione italiana/regia Ferdinando Bruni, Elio De Capitani con M. Melato, R. Alinghieri, A. Arcuri, M. Avogadro, F. Careddu, M. Di Rauso, R. Ghersi, A. Giusta, G. Gobbi, O. Notari, N. Pannelli, F. Pieri, E. Maria Rossi, V. Saccinto, F. Vanni, scene/costumi A. Taddei, musiche P. Dessau.
Ultimo titolo della breve rassegna-residenza di Lunaria Teatro al Teatro Emiliani di Nervi dove il 27 e 28 marzo, va in scena Dracula, di Bram Stoker, dove un solo camaleontico attore, Pierluigi Cominotto, racconta la celebre storia in una interazione con le coreografie di Serena Loprevite, interpretate da Ilenya Guidetti, Francesca Bruzzone, Valeria Messina, su musiche di Alessio Panni, scene Giorgio Panni e Giacomo Rigalza, e la regia di Daniela Ardini - ore 21, informazioni +39010 2477045 – 010 2543450.
Infine, domenica 29 al Teatro Govi di Genova Bolzaneto, in scena Ci vediamo da Luca Reloaded, di Alessandro e Luca Damerini, regia Francesca Margagliano, prefazione Di Gabriella Arrigoni, Compagnia "I Supereroi".

Ed eccoci arrivati alla musica che come tutti i lunedì trova ad aprire la settimana il ventesimo concerto della Stagione Sinfonica della GOG, di cui sono ospiti il violinista Sergej Krylov e il pianista Aleksandar Ma¸dar con un programma dedicato a Beethoven, Brahms e Schubert - al Carlo Felice, solo il 23 marzo, ore 21.
Sempre al Carlo Felice, la canzone italiana in due concerti, uno mercoledì 25, ospite Fiorella Mannoia e venerdì 27, Vinicio Capossela nel suo Da Solo Tour 2009. Per chiudere la carrellata sulle proposte del teatro dell'Opera, da giovedì 26 (alle 15.30 - e fino al 5 aprile), il dramma di Umberto Giordano, Andrea Chénier, su libretto di Luigi Illica, per la regia si Lamberto Puggelli, scene Paolo Bregni, costumi Luisa Spinatelli, direttore Daniel Oren, tra gli interpreti: Marcello Giordani (Andrea Chénier), Renato Bruson (Carlo Gérard), He Hui (Maddalena di Coigny), Francesca Franci (Madelone)
Sempre musica italiana ma questa volta al Politeama Genovese, venerdì 27 con gli Stadio in concerto per il tour di lancio del nuovo album.
Avete ancora un'ultima scelta, venerdì 27, al Teatro Govi (Bolzaneto - GE) a proposito di musica d'autore, con Amigos, note in viaggio fra Italia e Brasile, con Anna Menchinelli - voce; Simon Papa - voce e percussioni; Federico Foce - voce e chitarra; Roberto Taufic - voce, chitarra e cavaquinho.
Infine sabato 28, al Teatro Albatros, l'associazione Musicaround presenta Libre Vermell, diretto da Vera Marenco.

Passiamo alle proposte di teatro ragazzi, al Teatro del Ponente di Voltri il Cargo ospita, martedì 24, in mattinée (doppia replica ore 9 e ore 11) uno spettacolo sul bullismo dal titolo Un maialino tutto nero. Alla Sala Mercato del Modena torna, sabato 28, Pimpa Cappuccetto Rosso, da Francesco Tullio Altan, con Gabriella Picciau, elaborazione, su drammaturgia e regia di Giorgio Gallione, musiche Paolo Silvestri, burattini e sagome di Lorenza Gioberti e Annalisa Roggieri. Al Teatro dei Cappuccini, domenica 29, doppia replica (ore 15 e 17) per Lallabi e le quattro stagioni, con gli attori della compagnia Cose a Caso (Genova). Mentre alla FNAC (v. XX Settembre - GE) continuano gli incontri-laboratorio domenicali dell’associazione TearOvunque sul viaggio tra storie, luoghi e soprattutto suoni Gira, Gira il mondo..., che questa volta porta i bimbi verso Il Sol Levante del Giappone - domenica 29, ore 17, per bambini dai 5 anni.

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin