Concerti Magazine Venerdì 20 marzo 2009

'Pequod', il nuovo album dei Dresda

Magazine - A volte capita fin dalle prime note di capire che sei al cospetto di un prodotto meritevole: un'intuizione che nei confronti di Pequod, ultima fatica dei Dresda, si rivela piacevolmente veritiera.

Le atmosfere evocate da queste cinque tracce sono sorprendenti: una malinconia palpabile pervade tutto, e mentre un vento gelido sferza una strada ricoperta di neve e rami secchi, un pianoforte inizia a raccontare un mondo che si mostra come l'ombra di ciò che è stato un tempo, decadente, post-catastrofico, dove un'apocalisse dell'animo ci costringe a volgere gli occhi verso un cielo bianco, mentre macchinari arrugginiti si muovono con lentezza, producendo strani rumori; l'eterno gioco dei contrasti fa anche qui la sua apparizione, venendo sviscerato con sapienza in un equilibrio di suoni e suggestioni.

Non serve raccontare attraverso liriche quello che si vuole descrivere: le note quando sanno stare al posto giusto riescono a parlare meglio di qualsiasi voce. Così una riflessione quasi sussurrata e battuta a macchina in La stanza e l'orologio è l'occasione per scandire quello che già aleggia nell'aria, un presagio di un finale tragico e alienante, senza possibilità di ritorno a ciò che è irrimediabilmente perduto, mentre follia e decadenza sembrano incalzare e ricoprire tutto ciò che si riesce ancora a vedere, mentre Attraverso lenti colorate si schiude in un caleidoscopico trip di quasi quindici minuti, dove le dolci note sul finale sembrano accompagnare come una ninna nanna l'ascoltatore verso l'inesorabile oblio.

La produzione, così come l'esecuzione dei brani è ben curata, si intuisce un buon lavoro sugli arrangiamenti e suoi suoni proposti; nel complesso il disco riesce nel compito di trasportarti nel mondo grigio raccontato dai Dresda, dal tempo sospeso, dove freddi e tristi presagi si materializzano davanti ai tuoi occhi come spettri e una dolce malinconia ti evoca ricordi sopiti.

Potrebbe interessarti anche: , Mahmood vince Sanremo 2019 con il brano Soldi. Secondo posto per Ultimo, segue Il volo , Sanremo 2019. Testi e pagelle delle canzoni in gara , Sanremo 2019: Zen Circus con L'amore è una dittatura. Testo e pagella , Sanremo 2019: Ultimo con I tuoi particolari. Testo e pagella , Sanremo 2019: Simone Cristicchi con Abbi cura di me. Testo e pagella

Oggi al cinema

I quattrocento colpi Francia, 1959 Piccolo parigino, trascurato dai genitori, scappa di casa due volte, ruba, è chiuso in un riformatorio da dove fugge per arrivare al mare che non aveva mai visto. Straordinario 1 lungometraggio di F. Truffaut che, premiato per la regia a Cannes,... Guarda la scheda del film