Magazine Giovedì 19 aprile 2001

L'uomo sabbia

Magazine - Avevo lasciato entrare il mare dentro gli occhi. Erano anni che provavo ad indossarlo. Con le sue onde, il suo odore e tutto il resto. Un lavoro complicato se capite cosa intendo. Così sono andata al mare, sulla spiaggia, di notte, quando tutto è silenzio e i pescatori notturni si immergono nelle loro preghiere ai pesci. Abbassavo le mani a sfiorare la sabbia e sentivo i granelli alzarsi per un vento imprecisato e poi accarezzarmi con impertinenza e grazia. E sorridevo signori, se provaste a farvi sfiorare dalla sabbia sorridereste anche voi. E l’infinità dell’acqua era lì davanti a me. Nero, profondità, scura, abissi, alterità, venature, bianche, come zigzag e ferite. Ma poi era entrata quella vena malinconica a stordirmi. Strana combinazione di turbini. Nella mia testa ronzavano ancora le parole di quella canzone che sapeva di salsedine e di lacrime da confondere con l’acqua.

Così nitide che mi sembrava di intuirle tra il vento e la sabbia.
You’re the night Lialah, a little girl lost in the woods
You’re a folk tale, the unexplainable
Avevo voltato pagina per l’ennesima volta, credendomi talmente forte da poter sopportare ogni maledetto addio. Invece questo, di addio, non riuscivo proprio a sostenerlo.
You’re the badtime story, the one that keeps the curtains closed
I hope you’re waiting for me cause I can’t make it on my own
I can’t make it on my own
E sentivo quei versi sempre più nitidi mentre lentamente mi avvicinavo ad un’ombra che a malapena percepivo nella notte. Accesi una sigaretta cercando di assaporare il tabacco che velocemente bruciava al vento. Amori da ricordare con la salsedine sulle labbra e sul filtro.

- Salve - azzardai
L’uomo si voltò, sorridendomi e continuando a canticchiare quella canzone. Poi si interruppe.

- Secondo te è triste? - aveva un viso solcato da profonde rughe di mare e una strana aria da folle che mi incuriosiva - La canto spesso, sai? Ah, sapessi quanto mi piace cantare. -
- Le conosco le parole della tua canzone - feci io. Di nuovo mi guardò con quel sorriso innocente e sereno che hanno i pazzi.

- E’ per questa cosa qui che canto, sai? - indicò le tasche della sua giacca lisa - Io me ne vado in giro e questa è sempre qui.-

Infiniti granelli di sabbia uscivano a fiotti mentre lui li accompagnava con le mani, buttandoli via a manciate come preziosa farina per alimentare il mare.

- Non so proprio che farmene di tutta questa sabbia. E cantare, dio mio, cantare è diventato il mio unico sollievo. Ma guardala.... - chinò la testa triste - ...è davvero infinita...-


Giovanna Carboni

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Pupazzi senza gloria Di Brian Henson Azione, Commedia, Crimine U.S.A., 2018 Guarda la scheda del film