Magazine Giovedì 19 aprile 2001

Il mare

Magazine - Non l’ho mai visto
Il mare.
Ma lo porto dentro
Certe notti lo sento
Calmo come il mio respiro...
Respirare
Altre notti come una tempesta...
Mi agita
L’anima tutta mi sconvolge.
Certe volte sono come una barchetta
Sperduto in mezzo a quell’infinito
Altre volte come un transatlantico
Imponente lo solco il mare
E sono un fiume
Che scorro
E poi un rivolo
E una goccia
Giù verso il mare
Scorro
Il mare che mi ha generato
Milioni di anni fa
(E sembra ieri)
Nel mare che non finirò
Perchè rinascerò dal mare
Per essere ancora
Di nuovo
Goccia e barchetta
E fiume impetuoso
E vecchio bambino
Che sogna il mare
Il mare che sono.



Gionata Menean

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

The children act Il verdetto Di Richard Eyre Drammatico 2017 Giudice dell'Alta Corte britannica, Fiona Maye è specializzata in diritto di famiglia. Diligente e persuasa di fare sempre la cosa giusta, in tribunale come nella vita, deve decidere del destino di Adam Henry, un diciassettenne testimone di Geova... Guarda la scheda del film