Magazine Giovedì 19 aprile 2001

Danijel

Il giovane Danijel nuota nell’acqua, assorto nella musica che vibra liquida all’intorno. La fronte sfiora appena le piccole pietre levigate del fondale, mentre il canto spezzato di P.J.Harvey in “Angelene”, la sua preferita, gli sussurra parole sottili. Uno scatto di reni e l’esile corpo del ragazzo ruota su se stesso, con la schiena a pochi centimetri dai sassi arrotondati. La musica cresce improvvisa, e la voce della cantante rimbomba nella sua testa, in un lamento di dolore e rimpianto.

Lo sguardo di Danijel si sofferma sul soffitto lucido che la calda giornata estiva rende placido e iridescente, e intanto la brezza, fuori, increspa un poco l’immagine instabile di quell’altro cielo, che sembra ora troppo lontano per essere anche solo pensato.

Ma il calore giallo dei raggi, quello, attraversa l’acqua e, attutito come il vocio lieve della musica, raggiunge la pelle del ragazzo. Danijel resta immobile un istante, sospeso, ascoltando quell’abbraccio caldo e ripetendo tra se le parole della canzone, muovendo appena le labbra, come in una confidenza segreta fra sé e il mare.

Infine allarga le braccia arrendendosi alla spinta che lo riporta in superficie, lasciandosi sfuggire dalla bocca piccole bolle d’aria come note intorno.

Il ragazzo emerge dall’acqua, riguadagnando la spiaggia costellata di grandi ciottoli bianchi. Riemerge e la musica si ferma, sostituita dal solito, quotidiano, ronzio.

Il ragazzo sta diventando uomo, vien da pensare guardando i radi peli che spuntano dal suo petto, incrostati d’acqua e di sale.
Il ragazzo sta diventando grande.
E chissà cosa farà, da grande.
Chissà cosa avrebbe fatto, se due anni fa una granata non gli avesse portato via un occhio e l’udito.

Chissà.
Magari, il musicista.


Massimo Castaldo
di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Tutta colpa di Freud Di Paolo Genovese Commedia Italia, 2013 Francesco Taramelli (Marco Giallini) è un analista alle prese con tre casi disperati: una libraia (Vittoria Puccini) che si innamora di un ladro di libri; una gay (Anna Foglietta) che decide di diventare etero; e una diciottenne (Laura Adriani)... Guarda la scheda del film