Magazine Mercoledì 17 dicembre 2008

La stella che non sapeva volare

Magazine - La stella

C'era una volta una piccola stella che abitava sopra la mia casa. L'avevo chiamata luna, nome molto strano per una stella!
Un giorno mi misi ad osservarla molto attentamente e all'improvviso sentii una voce molto allegra che proveniva dal suo minuto bagliore; mi disse che lei non sapeva volare, che non ce l'avrebbe fatta a volare nella notte di San Lorenzo.

Provai e riprovai ad aiutarla, ma non ce la faceva; ho provato a cantarle una canzone, poi anche col flauto e non ci riuscii né con uno né con l'altro.
La volta in cui era andata meglio era quando gli ho tirato un panino, che ha rincorso ma poi è precipitata giù e non la ritrovai più.

Neanche il giorno dopo. Dopo due giorni, invece, la ritrovai: era dimagrita. Provai a catapultarle tutto il
frigo, lo mangiò con gusto e... divenne sempre più grande, al punto da avere molta resistenza.
Una sera come le altre avevo un pezzo di pane e scese sul mio terrazzo come la bora!

I miei sforzi erano stati premiati: aveva imparato a volare!
Si librò nel cielo come le rondini in primavera. L'unità delle stelle decise di darle il compito più importante della storia: guidare i Re Magi!

di Simone De Moro

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione