Magazine Martedì 21 ottobre 2008

«Sono innamorata: non riesco a studiare»

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Care e cari,
ci risiamo. Problemi di fiducia e di studio. Sarà qualche strana congiunzione astrale? Sarà l'autunno finto che subiamo ormai da qualche anno e che ci fa sentire sempre in estate? O sarà che i problemi ricorrono e io finisco per sentirmi una vecchia genitrice noiosa che offre consigli e invece detta regole? E tuttavia mi ostino, senza alcuna ambizione di maternage, a ripescare almeno le regole del buonsenso e di quell'etica minimale che spesso hanno garantito una certa tranquillità a chi le seguiva. Non fosse che per la consapevolezza di un linguaggio comune, di basi che non erano da ridiscutere. Così preparatevi, cari miei, a un'altra maternale involontaria ma, dopo tanti anni, non priva di affetto.
Antonella

Leggi gli altri articoli di La Posta del cuore

Per scrivere ad Antonella, clicca qui

Magazine - Sto con un ragazzo da quasi quattro anni. All'inizio tutto bene, poi ho scoperto che aveva dato un appuntamento a una ragazza conosciuta in chat per andare a vedere una partita di calcio insieme. Questa è una delle tante cose che mi hanno fatto perdere la fiducia in lui.
La seconda è che aveva salvato il nome di una sua amica che a me non è simpatica sotto il nome di un uomo. La terza è che ha chiesto il numero di cellulare di un'altra tipa con la quale io non vado d’accordo.
Non so cosa fare: lavoriamo e conviviamo, ma non riesco ad andare avanti senza la fiducia. Cosa devo fare?

Mollarlo. Che altro? Forse la mia risposta un po’ secca della settimana scorsa – sempre che tu l’abbia letta – ti è servita.
Mi sembra ovvio che se hai infranto tutte le regole della riservatezza è perché avevi dei sospetti. Ora che sono certezze, che è evidente la volontà di evasione del tuo compagno, non hai scelta.
Forse, se avessi parlato con lui prima di fare le tue verifiche, sareste riusciti a ricomporre o a lasciarvi in modo civile, che è importante visto che lavorate insieme. Forse avrebbe mentito comunque.
Mi dispiace, non ho ricette, tutto è andato troppo in là. Vorrei soltanto consigliarti di sfruttare la solitudine che seguirà la rottura per chiederti com’è andata. Se sei soltanto capitata male e non te ne sei accorta per quattro anni, oppure se hai contribuito anche tu alla fine di questa storia e come. Ti servirà per il futuro.
Coraggio, cara anonima e auguri,
Antonella


Sono passata in terza superiore e finora ho avuto una buona situazione scolastica. Solo che questa estate ho conosciuto l'amore, lontano 2000 km. Abbiamo passato due mesi insieme e ci rivedremo a dicembre. Adesso a scuola non riesco a concentrarmi, ho paura di avere i debiti formativi, non so quale metodo applicare e la ragioneria è una scuola abbastanza pesante. Come devo affrontare quest'anno scolastico e la lontananza dal mio ragazzo, che spesso mi mette in crisi?

Studiando, bella mia,
per avere le vacanze di Natale libere da impegni e dedicarle tutte al tuo ragazzo. Lo so, lo so quello che succede a sedici/diciassette anni quando si incontra l’amore per la prima volta e tuttavia – proprio perché lo so – insisto sul fatto che riprendere una bella routine rassicurante ha un sacco di vantaggi oltre a quello che ti ho scritto sopra. Hai davanti due o tre mesi di telefonate, chat, mail, sms e tanto lavoro di fantasia. Che spesso gioca brutti scherzi, crea aspettative troppo alte, rielabora i ricordi e quant’altro. Se continui a tenere i piedi per terra, se ti concentri su altre cose – non solo lo studio, riprendi proprio la tua vita – rivedere l’amore sarà al di sopra, non al di sotto delle aspettative che la fantasia – falsa amica maligna – avrà fatto gonfiare al di là del possibile o anche solo del probabile.
Credimi, l’ho visto tante volte.
Auguri e buon lavoro,
Antonella

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Un piccolo favore Di Paul Feig Drammatico 2018 Ho bisogno di un piccolo favore. Mi puoi prendere Nicky a scuola? È questa la semplice, comune richiesta che l'affascinante Emily fa alla sua nuova amica Stephanie, prima di sparire senza lasciare traccia. Mamma single tuttofare, vlogger per passione... Guarda la scheda del film