Magazine Venerdì 17 ottobre 2008

Io e mia madre: voglia di indipendenza

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Salve dottore,

le scrivo perché ho un problema che riguarda il rapporto con mia madre.
Vorrei essere più indipendente, sento di essere troppo influenzata nelle mie scelte da lei. So che è un problema che riguarda me perché mia mamma non posso cambiarla.
Ho 22 anni e sicuramente progressi ne ho fatti.
L'anno scorso ho deciso di iscrivermi all'Università dopo un anno passato malissimo. Infatti ho fatto due anni circa di psicoterapia: secondo il mio dottore, per essere indipendente, avrei dovuto trovarmi un lavoro e andarmene via di casa.
Ma in fondo sapevo che non era quello che volevo! Così ho lasciato questo dottore e ho preso la mia scelta. Adesso, a distanza di un anno circa, sento che questa è la decisione giusta per me, anche se i miei "vecchi fantasmi" nel rapporto con mia madre tornano.
Secondo lei come posso fare per avere più indipendenza e staccarmi definitivamente da mia madre e vederla come una qualsiasi persona?
A livello conscio ho questo grandissimo desiderio: vivere la MIA vita; dall'altra parte, a livello inconscio, sento come se una parte di me non mi facesse cambiare e mi facesse rimanere sempre lì.
Consideri che mia madre è molto ansiosa e che vorrebbe averci (ho altre due sorelle) come vorrebbe lei.
Vorrei definitivamente "tagliare il cordone ombelicale" e affermarmi come persona autonoma.
Un ultimo punto: sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo fantastico che in tutta questa situazione mi è sempre stato vicino, pur non capendomi a fondo.
Sento che questa situazione di non totale dipendenza pesa sul nostro rapporto e non voglio più che questo accada per lui e per il nostro stare insieme.
La ringrazio.


Buongiorno,
io intanto ringrazio lei per avermi scritto e spero di riuscire ad esserle di aiuto.
Intanto credo che il problema della dipendenza-indipendenza dai genitori sia estremamente diffuso. A 22 anni poi credo che si sia nell’epicentro del problema: la sua è una situazioe normale. Banalmente, nel nostro paese e in particolare di questi tempi, è veramente difficile che una ragazza della sua età possa essere realmente indipendente dalla sua famiglia, non fosse altro che per meri motivi economici (ma che hanno un riflesso non da poco sulla nostra autostima).
Ma ovviamente il nocciolo del problema non è nei soldi o nella logistica, ma è una questione più profonda di sentirsi liberi dalle relazioni con i propri genitori. E questo è un percorso decisamente più complesso che talvolta è ostacolato proprio dai genitori stessi, che sembra tentino in ogni modo di farci rimanere sempre piccoli.
In effetti non saranno loro ad autorizzarci ad essere grandi, ma dovremo essere noi a dimostrare che siamo grandi anche senza il loro (completo) appoggio. Ma, se mi permette, sono discorsi troppo complicati per essere spiegati bene in poche righe: il rischio di essere fraintesi è molto alto.
In altre parole, lei è ancora molto giovane ed ha ancora un po’ di tempo per preparare il suo distacco da sua madre.
In fondo quando si taglia il cordone ombelicale finisce un'indipendenza e ne inizia un'altra. E così via di passaggio in passaggio.
Buona giornata

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , «Una delusione d’amore mi ha fatto cadere in depressione: come ne posso venire fuori?» , Doc Omosex o ipocondria omosessuale? La risposta nell'autostima , «Il mio compagno mi ha chiamata con il nome di un'altra. Mi devo preoccupare?» , «Ha paura di fidanzarsi, ma non vuole perdermi: cosa devo fare?» , Perché si viene al mondo? «Ho 86 anni e ancora me lo domando»

Oggi al cinema

La casa di Jack Di Lars von Trier Drammatico 2018 Usa Anni '70. Jack è un serial killer dall'intelligenza elevata che seguiamo nel corso di quelli che lui definisce come 5 incidenti. La storia viene letta dal suo punto di vista che ritiene che ogni omicidio debba essere un'opera d'arte conclusa... Guarda la scheda del film