Magazine Martedì 30 settembre 2008

La Genova noir di Angelo Marenzana

Magazine - «Un ricordo riguarda qualcosa che non si ha più, o qualcosa che ti apparterà per sempre»? Una domanda un po' marzulliana che potrebbe benissimo comparire tra i versi di una canzone. Una frase che dà un po' da riflettere, e la risposta non è così semplice: soprattutto per il Caporale, protagonista di Destinazione Avallon (Robin, 2008, 209 pp., 9 Eu) di Angelo Marenzana, che questo ricordo non lo ha mai vissuto, ma lo vede da sempre nelle memorie del nonno.

Il Caporale è un sicario. Ammazza la gente. La sua vita è a Genova, dove tira a campare tra sparatorie, night club e belle ragazze. Fino a quando il figlio di una delle sue vittime assiste all'uccisione del padre. È allora che il Caporale decide di liberarsi dei suoi mandanti e cambiare vita: ma non è una cosa che si può fare da un momento all'altro, per chi è invischiato negli affari della malavita.
Avallon è una città a sud-est di Parigi: «forse è il posto più lontano che conosco e con il quale ho già un senso di familiarità anche se non l'ho mai visto» afferma il Caporale. È questo il suo sogno di fuga insieme a Isabel, la "compagna di letto" di cui si è innamorato, e l'amico Enzino.

L'alessandrino Angelo Marenzana (che quest'anno ha anche pubblicato Legami di morte, un giallo ambientato ad Alessandria del ventennio fascista) ha costruito una storia ben strutturata, con le giuste dosi di tensione e suspance. Nata come un racconto breve - edito tra l'altro nell'antologia Margine in Nero, MobyDick, 1997 -, è stata apprezzata da Carlo Lucarelli. Da qui, l'impulso a rimpolparla e tirarne fuori un romanzo vero e proprio.
«Genova è una città noir» spiega l'autore: «ci ho vissuto negli ultimi anni Settanta, quando studiavo Lettere e Filosofia all'Università». E il ritratto di Genova che emerge dal libro deriva appunto dai ricordi di quel periodo: «mi è rimasto dentro il fascino di un mondo legato al mare, del buio dei vicoli, della gente sempre in strada, della piccola criminalità».

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Non ci resta che vincere Di Javier Fesser Commedia 2018 Marco Montes è allenatore in seconda della squadra di basket professionistica CB Estudiantes. Arrogante e incapace di rispettare le buone maniere viene licenziato per aver litigato con l'allenatore ufficiale durante una partita. In seguito si mette... Guarda la scheda del film