Concerti Magazine Martedì 10 aprile 2001

Partito il Festival del Mediterraneo

Grande successo per la serata inaugurale del decimo Festival del Mediterraneo in un teatro Modena non al completo. E per una volta gli assenti hanno avuto torto.
Un flusso continuo di sensazioni coinvolgenti e travolgenti. La voce sensuale e profonda di Simona Barbera, cantante di livello assoluto, si è fusa con le musiche degli Echo Art, con la tromba di Roy Paci, il contrabbasso di Riccardo Barbera e con le performance degli Gnawa di Casablanca. Dando vita ad uno splendido connubio.
Sicilia è un percorso sonoro e visivo, una terra raccontata attraverso le voci di Simona Barbera e di Manrico Murzi, sulle immagini di Ciprì e Maresco.
Si può anche partire dalla fine per descrivere lo spettacolo. Le splendide iconografie di Ciprì & Maresco sullo sfondo, ritratti in bianco e nero di una terra arida e vivace, pulsante di un’energia ancestrale, che fluisce lentamente. Immagini accompagnate dalle melodie di Rita Omerzo, virtuosa al pianoforte.
Un finale in crescendo a cui ha fatto seguito una meritata ovazione finale.
Nei testi, a volte sfumati in una sonorità assoluta, è cantato l’amore ed il corteggiamento, la storia del popolo isolano nei ricordi di una cultura musicale di tradizione orale.
I virtuosismi di Simona Barbera ben si accompagnano con i ritmi degli Gnawa, testimoni di una tradizione musicale antica ed importante.
E in un paio di pezzi, Abdenbi el Gadari e Ahamed Ghani sono riusciti come d’incanto a trasportare lo spettatore in una dimensione lontana e primordiale, al suono del guinbrì, una chitarra tamburo marocchina, e delle qaraqeb, nacchere di metallo.
Qualche incertezza nelle letture di Manrico Murzi, probabilmente emozionato per l'insolita veste di artista.
La perfezione non è di questo mondo, dicono. Quindi anche in questo spettacolo ci sono cose perfettibili, come il coinvolgimento totale nell’atmosfera che arriva solo dopo la terza e la quarta canzone. E alcune discrasie nei passaggi da un pezzo all’altro.
Ma l’impressione lasciata da Sicilia è ottima.
Su tutto mi piace ricordare Aisha, la ninna nanna composta da Simona Barbera e gli Gnawa in onore della figlia di Abdebdi.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

La vita è facile ad occhi chiusi Di David Trueba Commedia Spagna, 2014 Spagna, 1966, in pieno regime franchista. Un professore che usa le canzoni dei Beatles per insegnare l’inglese ai suoi alunni viene a sapere che John Lennon si trova in Almeria (Andalusia) per girare da attore il film “Come ho vinto la guerra”.... Guarda la scheda del film