Magazine Venerdì 19 settembre 2008

Come portavano i capelli i Longobardi?

Magazine - Come portavano i capelli i Longobardi? Risposta: A) rasati, tranne una cresta che ungevano con grasso di maiale; B) rasati, tranne un codino che scendeva lungo la schiena; C) si rasavano la nuca e sopra le orecchie e i capelli, divisi da una riga centrale, scendevano ai due lati fino all’altezza della bocca, intrecciati. Avete pochi secondi per rispondere alla domanda. Ma se volete sapere cosa c’entrano i cereali con le streghe; quanti e quali tipi di pestifera peste esistono; cosa hanno in comune i libri e i vitelli, insomma: se volete rompere la squallida quotidianità della soporifera scuola imparando a realizzare veri gioielli barbarici, organizzando una sfiziosa festa barbara e terrorizzando i professori con il racconto di sapienti saccheggi e torture varie, è giunto in libreria il libro che fa per voi. Un capolavoro di Massimo Birattari e Chicca Galli. Titolo I barbuti barbari e l’ha appena sfornato Salani (pp. 138, 7.80 Eu).

Per sapere se, quando l’Impero Romano è caduto nel 476 dopo Cristo, si è fatto molto male. Per vivacizzare la storia che non è mai stata così brutta! Dalla A alla Zeta, tra assedi e morti che parlano, passando per i tesori rubati e uno zoo di animali fantastici, si può far capolinea alla vergognosa verità celata dietro le incredibili invasioni barbariche. Noiosa, piena di nomi assurdi e date da ricordare, la storia può essere più avvincente di un videogioco e truculenta come un film dell’orrore se solo prendete coscienza che i barbari sono "in" noi. Ce li abbiamo sulla punta della lingua. La parola elmo deriva da una voce gota; fiasco, stanga, palla, guancia, ciuffo, spaccare e ricco, sono di origine longobarda; guerra, guardare e bianco sono parole entrate nella nostra lingua attraverso i Franchi. Allo stesso modo i nomi di persona italiani derivano da nomi che avevano prima di noi i barbari. Per esempio: Alberta = di chiara nobiltà; Aldo = vecchio; Carlo = uomo libero; Enrico = signore in patria; Ludovica = famosa nella battaglia; Roberta = di chiara fama; Rodolfo = lupo di gloria; Umberto = orsacchiotto famoso.

Vale la pena sapere che oltre alla Lombardia, anche i nomi di altre regioni italiane (o parti di regioni) rimandano a eventi storici dei secoli bui. Romagna è la grafia moderna di Romània, vale a dire le città e le terre attorno a Ravenna che fino al 751 appartenevano all’Impero Romano d’Oriente. Le Marche erano invece una "marca" (cioè una zona di confine) dell’impero di Carlo Magno. Insomma intorno a noi un cerchio si chiude: barbari!
Volete conoscervi meglio? Mettetevi elmo e guanti (una parola franca, want) e non tiratevi indietro dal tanfo (dal longobardo tampf, "vapore" evidentemente non così profumato): è una brutta storia!
Il sommario anticipa di gusto gli argomenti: caotica Italia gotica; santi e barbari; cucina carnivora; schifose morti barbare… e ancora.

di Roberta Maresci

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Hannah Arendt Di Margarethe Von Trotta Drammatico Germania, Lussemburgo, Francia, 2012 Scappata dagli orrori della Germania nazista, la filosofa ebreo-tedesca Hannah Arendt nel 1940 trova rifugio insieme al marito e alla madre negli Stati Uniti, grazie all'aiuto del giornalista americano Varian Fry. Qui, dopo aver lavorato come tutor universitario... Guarda la scheda del film