Magazine Venerdì 19 settembre 2008

«Lui mi ha lasciato per i suoi amici»

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Caro Marco,
dopo un fidanzamento durato quasi tre anni il mio ragazzo di punto in bianco mi ha detto di avere una crisi personale, di non essere più sicuro di voler stare seriamente con me e che forse era meglio che tornasse a ridere e scherzare come ai vecchi tempi con i suoi amici. Mi è crollato il mondo addosso, nonostante abbiamo solo 22 anni entrambi e frequentiamo ancora l'università, avevamo fatto molti progetti insieme e ora è tutto svanito nel nulla. È quasi un mese ormai, ma non riesco a farmene una ragione. Lui in queste settimane mi ha scritto facendo il geloso, preoccupandosi per me e dicendo che stava molto male. Quando l'altra sera l'ho messo di fronte alla scelta di prendere una decisione chiara, mi ha detto che aveva paura sia di lasciarmi definitivamente, sia di ricominciare. Sono disperata. Dopo questa sua ennesima indecisione gli ho detto che avrei chiuso io definitivamente la storia e di non farsi mai più sentire. Ovviamente speravo che lui tornasse, ma da quella sera non si è più fatto vivo. Ogni minuto ci penso e ogni notte lo sogno (tra l'altro sogno io e lui sempre in atteggiamenti intimi che ci scambiamo effusioni e che va tutto bene), è diventata un'ossessione per me. Continuo a ripetermi che devo andare avanti e che se vorrà dovrà essere lui a tornare, ma è davvero difficile. Sono confusa, non capisco perchè si sia comportato così, non voleva affrontarmi neanche faccia a faccia per parlarmi, non mi ha mai dato una risposta chiara, era pieno di contraddizioni. Io non so più cosa fare e cosa pensare. Mi può aiutare lei a capire almeno un pochino cosa può essere successo?
La ringrazio.

Capire cosa è successo? Non sono sicuro di riuscirci e non sono neanche sicuro che "capire" aiuti a sistemare le cose o forse sì.
E allora cerchiamo di capire come, a 22 anni, in un'epoca come la nostra sia difficile, ma veramente difficile, decidere cosa vogliamo e quindi decidere che cosa siamo disposti ad abbandonare. Spesso vogliamo avere tutto, anche quelle cose che sono una il contrario dell’altra e siccome lo riusciamo a pensare, magari ci arrabbiamo quando scopriamo che, nella realtà, non è possibile.
E siccome le persone sono fatte di tanti aspetti, la vita si spiega davanti a noi con tante possibilità e la nostra mente riesce a pensare contemporaneamente a più concetti senza tenere conto dei vincoli materiali, spesso non sappiamo più cosa vogliamo, chi siamo e dove stiamo andando.
Ma in fondo dirle questo non dovrebbe essere una novità per lei. Credo che lo abbia già sentito dire molte volte, anche se sentirlo dire e trovarsi di fronte al fatto è tutt’un'altra cosa.
Quindi non so cosa sia successo, ma so che è una cosa che, purtroppo, succede molto di frequente, e non solo a 22 anni.
La cosa bella è che, poi, si va avanti e molte cose vanno a finire bene.
Evviva.

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , «Una delusione d’amore mi ha fatto cadere in depressione: come ne posso venire fuori?» , Doc Omosex o ipocondria omosessuale? La risposta nell'autostima , «Il mio compagno mi ha chiamata con il nome di un'altra. Mi devo preoccupare?» , «Ha paura di fidanzarsi, ma non vuole perdermi: cosa devo fare?» , Perché si viene al mondo? «Ho 86 anni e ancora me lo domando»

Oggi al cinema

Il segreto del suo volto Di Christian Petzold Drammatico Germania, 2014 Giugno 1945. Sopravvissuta al campo di sterminio di Auschwitz, Nelly torna a Berlino, dov’è nata, gravemente ferita e col volto sfigurato. Ad accompagnarla c’è Lene, impiegata dell’Agenzia ebraica e amica di Nelly da prima... Guarda la scheda del film