Ricordo di Claudio Gora - Magazine

Ricordo di Claudio Gora

Teatro e Spettacoli Magazine Martedì 10 aprile 2001

Magazine - L’Associazione Claudio Gora e il Teatro di Genova, in collaborazione con il Museo-Biblioteca dell’Attore e con il Cineclub Lumière, organizzano una giornata in Ricordo di Claudio Gora, alla quale prenderanno parte la moglie Marina Berti e i figli Andrea e Cristina Giordana.

A tre anni dalla scomparsa dell’attore-regista si sono creati due momenti per celebrarlo. Alle ore 18, nel Foyer del Teatro della Corte, s’inaugura una mostra fotografica che ripercorre i momenti salienti della carriera cinematografica e teatrale dell’artista. Nell’occasione viene anche presentato il libro Melanconia, una raccolta di poesia inedite di Claudio Gora, a cura di Mia Lecomte.

Il secondo incontro si terrà al Cineclub Lumière (via S. Vitale 1) dove verranno proiettati i film Febbre di Vivere (1953, regia di Claudio Gora) e Un maledetto imbroglio (1959, regia di Pietro Germi con Claudio Gora attore). Nell’intervallo tra i due film, verso le ore 22.15, si potrà partecipare ad un dibattito condotto dal Professor Marco Salotti, con la partecipazione di Marina Berti e i figli Andrea e Cristina Giordana.

Il vero nome dell’attore-regista Claudio Gora era quello di Emilio Giordana: nato a Genova nel 1913 fu molto attivo nella filodrammatica dell’Arecco. Recita al Teatroguf e al Cineguf. Si laurea in giurisprudenza e subito dopo si trasfesce a Roma dove inizia in modo professionale la carriera d’attore, passando dal teatro al cinema. A partire dagli anni ’60 si dedica anche alla televisione dove interpreta sceneggiati quali La Pisana, La vita di Dante o Benvenuto Cellini. In teatro aveva debuttato ufficialmente nel ’43 interpretando ruoli in testi di Shaw e Wilde per la compagnia Cervi-Stoppa-Morelli. Sarà primo attore nella Compagnia del teatro regionale emiliano. Sotto Strehler recita nella Tempesta e a lungo lavora per il Teatro di Genova.
Esordisce come regista nel 1950 con Il cielo è rosso seguito da Febbre di vivere (premiato con un “Nastro d’Argento”), L’incantevole nemica, Tormento d’amore, La grande ombra, Tre straniere a Roma, La contessa azzurra, L’odio è il mio Dio, Rosina Fumo viene in città per farsi il corredo. A Genova, Gora fondò, nel 1954, anche una casa di produzione cinematografica, la Janua Film, con Cesare Stagnaro che produceva soprattutto documentari e i primi spot pubblicitari. Tra i moltissimi film da lui interpretati si ricordano Adua e le compagne, Una vita difficile, Il sorpasso, Il medico della mutua, La donna della domenica, Rossini! Rossini!.

Nella foto piccola l’attore posa per la commedia "Il figlio professore”, rappresentata nel 1931.

Altre notizie biografiche
www.arecco.ge.it/giornalino/Set98/Art1_07.htm

Potrebbe interessarti anche: , Il Coronavirus ferma le soap opera: da Beautiful al Posto al sole stop alle riprese , Coronavirus, fare teatro nonostante la chiusura: chi, come, dove , Rimborso biglietti per eventi annullati? Meglio rinunciare: #iorinuncioalrimborso , Rinuncio al rimborso dei biglietti per gli spettacoli annullati, un piccolo gesto concreto per aiutare il teatro

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!