Magazine Martedì 2 settembre 2008

«Mamma, perché sei tornata da papà?»

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Cara Antonella,
questa è la storia della mia famiglia, non scriverò sigle di nomi e non mi addentrerò in particolari, chiedo solo un consiglio per capire meglio.
Ho 32 anni e due genitori molto giovani, papà 51 e mamma 50: bello potrebbe pensare qualcuno, e invece no, per niente. Non sono mai andati d'accordo, il loro matrimonio non è stato una bella favola. Finalmente dopo tante angosce e lettere di avvocati ecc. 5 anni fa il grande passo, la separazione e poi il divorzio, finalmente pace per tutti. Ma le disgrazie non hanno mai fine...
Io e papà compriamo casa, e qui viene il bello. Dopo 4 anni di silenzio mia mamma si fa viva e cerca di riprendere i rapporti prima con me, e poi con papà. I due decidono di tornare a rifrequentarsi e per me è la rovina.
Lui non è più la stessa persona, sembra perso, non ragiona più. Lei entra esce da casa, quella che è anche mia, sposta oggetti a suo piacimento porta cose e non le si può dire niente altrimenti baruffe a non finire.

Ora, che loro abbiano deciso di ritentare a me non interessa, chiedo solo di avere rispetto per le mie cose, in fondo ci vivo io in quella casa e vorrei finire di arredarla come piace a me e non come desidera lei. Entro in casa e non vedo me e i miei gusti ma vedo un copia di casa sua e questo mi manda in bestia.
Ma la cosa che mi dispiace di più è aver perso il rapporto con papà e il fatto che lui non si renda conto che lei è tornata solo per comodo.
Ultima cosa: vuole convincere mio papà a togliermi dal 50 % della casa. Mi offende sempre, mi insulta con parole che non sono di una madre. Voglio tutelarmi e salvaguardare i miei interessi.
Grazie per lo sfogo.


Prego, cara,
perché non posso esserle d’aiuto, quindi resterà uno sfogo. A meno che si chieda, finalmente, che cosa ci fa a casa di suo padre a 32 anni. Uno di voi ha bisogno di assistenza continua? Se no, come ha potuto non pensare che un cinquantenne prima o poi cerca di rifarsi una vita? E se decide di risbagliare, ha ragione lei, non la riguarda. Si tuteli legalmente, si faccia liquidare il suo 50% e emigri. O, se proprio decide di restare, investa il suo denaro in una bella psicoterapia ben fatta. Che non è un insulto, come molti pensano.
Non le sto dando della pazza, le sto soltanto dicendo quello che non dice a sé stessa: la sua situazione è così anomala che deve essere un pochino patologica, quindi chieda aiuto a chi ha i titoli per farlo. Oppure apra gli occhi e emigri in un altro appartamento.
Auguri,
Antonella

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Ladri di biciclette Di Vittorio De Sica Drammatico Italia, 1948 Antonio Ricci festeggia con la famiglia il lavoro che ha ottenuto faticosamente: attacchino di manifesti del cinema. La famiglia riscatta dal banco dei pegni la bicicletta e Antonio va a lavorare. Sta incollando il manifesto di Gilda quando gli rubano... Guarda la scheda del film