Magazine Giovedì 3 luglio 2008

Altan in mostra al Museo Luzzati

Magazine - Per me Altan è Socrate in bicicletta
Stefano Benni

Un fumetto inconfondibile, un tratto nitido, pulito in cui ogni colore è separato dall'altro, un linguaggio che incanta i bambini e che un attimo dopo suscita la risata meditata, quella capace di stuzzicare, quella figlia della satira, negli adulti.
Tutto questo è Francesco Tullio-Altan che, nato a Treviso nel settembre del 1942, ha esportato e affinato la sua arte, il suo stile in giro per il mondo. Il suo nome è accostato ad una delle più famose pubblicazioni per ragazzi, Il Corriere dei Piccoli ma soprattutto alla Pimpa, il cane a pois rossi e all’Armando, il suo paziente padrone, al latte e biscotti e ad un mondo fiabesco e incantato dove gli oggetti del quotidiano si animano per condividere con lei mille avventure. Le sue strisce vengono proposte e riproposte da oltre un trentennio e sono tantio amate da diventare un’opera teatrale allestita dal Teatro dell’Archivolto.

Ma la fantasia dell’artista non si esaurisce nella Pimpa. Altan è un autore poliedrico che dal 1975 ha cominciato a pubblicare anche i suoi primi fumetti per adulti. Dal Corriere dei piccoli a Playmen fino all’Espresso.
Un bambino che cresce lascia nello scatolone il Corrierino e scopre Linus ritrova, come un amico che non abbandona mai, il caro Altan che ritroverà poi – da adulto – su Repubblica e L’Espresso dove la sua arte diventa satira tagliante che colpisce come una doccia gelata in piena estate. Liberatorio, dissacrante, infantile non perché semplice ma perché incosciente, coraggioso come un bambino. Impossibile non affezionarsi alla sua matita. I suoi personaggi, i suoi colori, le sue vignette sono un mondo riconoscibile come la sua firma.

Come non rimanere invaghiti da Kamillo Kromo, il camaleonte monocromatico - tendenzialmente rosso - che essendo incapace di mutare colore, impara a mimetizzare il mondo attorno a lui.

L'arte di Altan è sbarcata a Genova con il suo bastimento carico di colori e immagini, personaggi e satira, andando ad occupare il Museo Luzzati di Porta Siberia al Porto Antico.
Se in queste giornate estive vi capitasse di andare all’Expo non riuscire a non notare accanto a Museo dell’arte di Emanuele Luzzati, una Pimpa gigante, pronta ad accogliere con latte e biscotti - e la sua lingua perennemente pettinata a lato – i bambini di ieri e quelli di oggi. Difficile non sentirsi attratti da una mostra che ha aperto i battenti a giugno e coprirà con laboratori tematici, incontri e seminari, tutta l’estate 2008 fino al 9 novembre.

La mostra è concepita per sezioni. Una è dedicata al mondo adulti – fatto di satira e vignette - la seconda invece è tutta per i più piccoli. Il percorso comprende disegni originali, pupazzi, sagome tridimensionali, bozzetti per spettacoli teatrali e proiezioni per i film d’animazione. Oltre 200 le opere esposte, praticamente la prima presentazione organica del mondodi Altan.
Il museo resta pur sempre la casa di Luzzati, per questo gli organizzatori hanno pensato anche ad un interessante contrappunto delle opere di Altan, realizzato attraverso una sezione della mostra dedicata all’Arca degli animali di Emanuele Luzzati, dal segno grafico opposto. Non resta che prendere al volo il Razzo Egidio e godersi un viaggio attraverso le stagioni di un lettore capace di crescere senza perdere la sana abitudine di restare incantato di fronte ad un cane bianco a Pois rossi.

di Francesco Cascione

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Piccoli brividi Di Rob Letterman Commedia, Avventura, Thriller U.S.A., Australia, 2015 Zach Cooper (Dylan Minnette) è un adolescente sconvolto per il trasferimento da una grande ad una piccola città. La sua vicina di casa è una bella ragazza, Hannah (Odeya Rush), che vive con un padre misterioso che si rivela essere... Guarda la scheda del film