Magazine Venerdì 27 giugno 2008

«Odio tutti e nessuno mi capisce»

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Sono un ragazzo di 20 anni, ho degli amici - se possono essere definiti così - persone che mi circondano, alcune simpatiche altre no, ma ogni giorno per me è una delusione: non riesco piu a trovare interessi in comune con loro. Le poche cose che mi piacciono sono viste come aliene e vengo sbeffeggiato per spronarmi a reagire ma io nn ci riesco, e guardando gli altri penso che non c'entro niente con questo mondo, perché vedo che anche le persone piu insulse riescono a farsi rispettare anche usando la forza. Penso sempre di odiare tutti perché sono deluso costantemente dalla vita in se stessa e non vi trovo un significato.
Mi pongo domande su tutto e sono stufo di dover sopportare la legge del piu forte. Io non riesco ad impormi come tutti gli altri e sono stufo della gente che mi mette i piedi sopra e che pretende, pretende, pretende e basta. Sono stufo di tutto, mi ritrovo tra la gente che mi dice in continuazione le stesse cose: perché non parli? Ma di cosa dovrei parlare se per ogni discussione futile e inutile e poi ad ogni apertura della mia bocca c'è sempre qualcuno nelle retrovie che deve far in modo di imporre la sua superiorita rendendo le mie parole inutili? Nessuno arriva a capirmi. Alcuni mi definiscono addirittura una creatura aliena e io ci rido su perché tanto reagire porta solo altro male.

Salve creatura aliena di 20 anni,
non dici da che pianeta arrivi ma presumo di esserci stato anche io, almeno una trentina di anni fa. Bel posto, se ricordo bene, ma infinitamente faticoso. E questo per dire che credo di aver detto anche io le stesse cose che dici tu e, almeno in parte, provato le stesse sensazioni.
Poi, non so bene come, alcune cose sono cambiate ed alcune sono migliorate. In compenso ci sono alcuni aspetti che non capivo allora e non capisco ancora adesso. O meglio, le capisco ma non per questo mi piacciono. Forse però sono passati i tempi in cui erano gli altri che dovevano capirmi e adesso mi sforzo di essere io a capire gli altri e se continuo a non sopportare tutti quelli che vogliono imporsi solo grazie alla loro forza bruta almeno mi sembra di essere diventato abbastanza forte, o saggio, o abile da riuscire a non farmi travolgere più di tanto.
E sì, anche io sono stufo e a volte, giuro, sono veramente stufo di tutto questo andazzo. Peccato che, pur provenendo da un'altra dimensione, non riesco a trasformarmi in un gigante verde e non riesco neanche ad avere super-poteri così, giusto per togliermi qualche soddisfazione.
Però almeno qualche tentativo bisogna farlo anche perché, vista dalla parte degli altri, la domanda potrebbe essere: e perché mai dovremmo dare retta a 'questo qui'? Almeno avesse la bontà di cercare di convincerci… e giusto per la cronaca (senza nessuna offesa, anzi) mi sembra che tutti i grandi pensatori, filosofi, profeti - e non ultimo anche Gesù Cristo - hanno avuto il loro bel da fare per superare lo scetticismo e la diffidenza della gente. Ora, sinceramente, non possiamo mica pretendere che solo perché diciamo sono stufo, nessuno mi capisce allora tutti si prostreranno ai nostri piedi, eh? Sì, non sarebbe male, ma sarebbe un vago delirio di onnipotenza molto più vicino a quello di un bambino piccolo che, solo perché strilla, allora viene accudito. Comodo.
Ma non siamo più così piccoli.
Forse il problema è che non siamo ancora abbastanza grandi.
Credo che ci dovrà lavorare su.
È a quel punto che si lascia il pianeta di mezzo.
Anche se, a volte, è bello ritornarci.

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria , «Mi piacciono le donne ma guardo gli uomini», il dubbio di Alessandro , «Nessuno riconosce i miei sforzi», lo sfogo e la risposta dello psicologo , «Mi sento più uomo che donna, sarò lesbica?», i dubbi di una ragazza , «La mia ragazza è attratta da un'altra ragazza ma non mi vuole lasciare. Cosa devo fare?»

Oggi al cinema

Il tuo ex non muore mai Di Susanna Fogel Commedia U.S.A., 2018 Due amiche del cuore si ritroveranno improvvisamente e involontariamente coinvolte in un roccambolesco complotto internazionale. La causa di tutto? Un ex... come al solito! L’ex fidanzato di Audrey, spia in incognito, ritorna dal passato in cerca... Guarda la scheda del film