Magazine Mercoledì 4 aprile 2001

La poesia conquista Palazzo Ducale

Magazine - Genova, 4 aprile 2001

"La poesia è fiducia nella primavera, nell’essere umano che non abdica". Parola di Giuseppe Conte, poeta e, per un giorno, patrono di aspiranti autori.

La poesia è ancora viva a Genova. E non teme i rigori del clima tutt’altro che primaverile. L’iniziativa del Secolo XIX, che ha riunito a Palazzo Ducale i lettori che hanno partecipato alla “settimana della poesia”, è stata avversata da un vento gelido. Ma questo non ha scoraggiato il pubblico, che ha affollato l’atrio del palazzo, e gli autori. Alcuni hanno improvvisato una lettura estemporanea, assolutamente non prevista in scaletta. Del resto non si è trattato dell’unica sorpresa.

Ad aprire la serata, dopo le introduzioni rituali dei padroni di casa, Arnaldo Bagnasco (presidente di Palazzo Ducale), Antonio Di Rosa (direttore del Secolo XIX) e Claudio Pozzani (organizzatore del Festival Internazionale di Poesia), c’è stata l’esibizione di quattro autrici del Quebec, tra cui Denise Bouchet, sicuramente la più nota, ed Elise Turcotte, pubblicata da Crocetti Editore nell’Antologia della poesia contemporanea del Quebec. Poi è stata la volta di Giuseppe Conte, che ha introdotto gli autori. Si è trattato, in realtà, di un elogio alla Poesia, che "rende più umano l’uomo", con i suoi temi e le sue contrapposizioni eterne (vita-morte, dolore–amore, gioia–sofferenza) che agiscono sull’esistenza del poeta.

È stata quindi la volta degli aspiranti poeti (ai quali è stato regalato un libro). Non tutti quelli chiamati a leggere si sono presentati: non sempre è facile esporre in pubblico i propri versi, e un po’ di pudore è comprensibile. Particolare successo hanno riscosso la performance di Eugenio, un bambino di sette anni con la sua poesia dedicata al papà, e la lettura della poesia sul G8 della novantatreenne Beatrice Ciurlo.

Alla fine, a prevalere è stato il gusto di fare poesia in pubblico, aldilà della qualità dei testi. Si è sentito e visto davvero di tutto, persino un padre che si è presentato per leggere l’opera del figlio impossibilitato a intervenire. Il premio finale (una targa) ha gratificato le cinque poesie ritenute più meritevoli. Ma il premio più grande sarà quello riservato all’autore che risulterà vincitore del sondaggio di mentelocale. La sua poesia verrà infatti "esposta" nel dehors del cafè assieme a quelle degli autori liguri e genovesi più illustri (da Montale a Caproni, da Sanguineti a Giudici). Ora sta a voi leggere e votare la vostra poesia preferita tra quelle qui di seguito.


Alessandra – Leggi l'articolo
Gianni Biscossa – Leggi l'articolo
Daniela Borgogno - Leggi l'articolo
Anna Borneto – Leggi l'articolo
Beatrice Ciurlo – Leggi l'articolo
Vittorio Conni – Leggi l'articolo
Antonio D’Elia – Leggi l'articolo
Giorgio De Rossi - Leggi l'articolo
Eugenio (7 anni) – Leggi l'articolo
Anna Gianetti – Leggi l'articolo
Giulio Giordani – Leggi l'articolo
Angelo Guarnieri – Leggi l'articolo
Maria Luisa Madini – Leggi l'articolo
Anna Marenco – Leggi l'articolo
Gianni Marenco – Leggi l'articolo
Roberto Marzano – Leggi l'articolo
Marco Mazza – Leggi l'articolo
Paolo Mugnoli – Leggi l'articolo
Claudio Pozzani - Leggi l'articolo
Alessandra Ramagli – Leggi l'articolo
Alberto Schettini –
Laura Silvestri –
Matteo Stagnaro –

Cliccate sul titolo per leggere la poesia e votate la vostra preferita

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

La donna elettrica Di Benedikt Erlingsson Drammatico 2018 Halla è una donna dallo spirito indipendente che ha superato da un bel po' la quarantina. Dietro la tranquillità della sua routine si nasconde però un'altra identità che pochi conoscono. Conosciuta come "la donna della montagna",... Guarda la scheda del film