Magazine Mercoledì 4 aprile 2001

Absinthe

Magazine - Gli occhi chiudimi,
così le rose diverran miele
e il fuoco cenere;
brucerei per le lacrime d’un angelo,
il fiore è nel bicchiere
ma non importa,
è nel sole che tu vedi.
Non chiedo di soffrire,
ma l’odore della polvere
è sempre lo stesso
e in questo campo di neve, lo sai,
siamo su fili di ragno sospesi,
solo un soffio più forte
porta più in alto la piuma.
Hai lasciato qualche colore indietro,
lo so, è tutto quel che vuoi,
due pensieri visti da dove siamo
ci ricordano fino a quanto
si può amare; ora la senti,
la senti l’amarezza,
l’amarezza dell’assenzio
e la distanza d’un arcobaleno
ormai è fra noi.
Il veleno è sulla strada
e so solo che morirei
per una sua goccia.



Matteo Stagnaro

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Bohemian rhapsody Di Bryan Singer Biografico, Drammatico, Musicale U.S.A., Regno Unito, 2018 Un racconto realisto ed elettrizzante degli anni precedenti alla leggendaria apparizione dei Queen al concerto Live Aid nel luglio del 1985. Guarda la scheda del film