Magazine Venerdì 18 aprile 2008

La Genova sospesa di Chiara Patarino

Magazine - Cambiare il ritmo della propria vita, privilegiare la qualità alla quantità e dedicare più tempo alle relazioni con gli altri: sono alcuni dei principi su cui si basa la filosofia della lentezza che, come ha ben raccontato Irene Alison su D-La Repubblica qualche tempo fa, convince oggi più che mai.
Di questo desiderio di semplicità e nitidezza si fa interprete, sul piano della narrativa, Chiara Patarino, affermata autrice di libri per bambini nel suo primo romanzo, Nodi & Misteri (ed. Kimerik, 2008), un racconto sentimental-psicologico capace di armonizzare la tensione del giallo con il fascino delicato e consapevolmente d’antan della saga familiare.

Fil rouge della storia è una cordicella rossa, che lega i destini di Giambattista De Cristoforis, uomo realizzato ma inquieto e affascinato dal mistero, di una brillante ed enigmatica anziana signora e di una imprevedibile giovane donna. Proprio la curiosità e la passione per i dettagli incomprensibili della realtà quotidiana, condurranno per mano il protagonista - dal nome evocativo di una genovesità fortemente impersonata – alla soluzione dei misteri che incontrerà sul suo percorso, in un crescendo di intensità che lo porterà, alla fine, non solo alla soluzione degli enigmi, ma anche alla sua crescita emotiva.

Scenario dei tre episodi che compongono la trama del romanzo è la città di Genova, una Genova un po’ sospesa e “favolosa”, perfettamente in sintonia con gli stati d’animo dei protagonisti. È forse proprio la città la protagonista femminile del racconto. Una Genova tanto irreale quanto vera, come solo i Genovesi la conoscono: affascinante ma distante, accogliente ma scontrosa. Una città dove i luoghi diventano sensazioni e le emozioni nascono dagli scorci, dalle prospettive e dai panorami che, come tessere di un puzzle, ricostruiscono il disegno della città: i vicoli e le strade ottocentesche, i grandiosi palazzi e le sontuose antiche dimore, l porto e la collina. Più lontano, il mare di Genova e della Riviera, con i suoi rumori e i suoi odori, inaugura il racconto e lo accompagna fino al suo epilogo.

Il libro racconta in modo lieve, con ricercata semplicità, una felicità costruita sulle piccole cose, senza scossoni, lentamente, sussurrando. Per trovare in se stessi e nelle persone vicine per carattere e sensibilità, quello che la società non riconosce più come valore: la pace del cuore. Una possibile interpretazione, questa, suggerita dalla sensazione che aleggia in questa Genova bellissima e algida dove i personaggi si muovono avulsi dalla vita reale, assorti nel loro mondo di ricordi, promesse e speranze.
Downshifting? Slow life? Elogio della lentezza? Certamente una storia gentile, come una fiaba, che ha per protagonista un “detective romantico”, capace di avvincere i lettori con garbo deciso.

di Maria Carla Italia

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Skyscraper Di Rawson Marshall Thurber Azione U.S.A., 2018 Will Ford, è un ex leader del Team di Recupero Ostaggi dell’FBI e veterano americano di guerra, che ora valuta la sicurezza dei grattacieli. Durante un lavoro in Cina trova il più alto e sicuro edificio del mondo improvvisamente in... Guarda la scheda del film