Magazine Lunedì 14 aprile 2008

«Forse sono lesbica»

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Salve caro dottore,
forse sto facendo qualcosa di sbagliato e ho paura, ma non posso farci niente. Sento di stare bene così: sto diventando sempre più mascolina, mi vesto da maschiaccio e a volte penso se mi possa mai capitare di innamorarmi di una donna. Sono poco più che ventenne e devo ammettere di aver sofferto molto per amore (di uomini) in passato e di averli odiati a tal punto da non voler più fidanzati.
Se devo dirle la verita sono molto confusa perché questo mio nuovo modo di essere più dura e forte mi aiuta ad affrontare la vita con più grinta e senza paure. Ma se poi sbaglio e faccio qualche sciocchezza nel campo sentimentale? Mi può aiutare?

Salve cara lei.
Sta diventando sempre più “mascolina”? Si veste da “maschiaccio”? E pensa che le potrebbero piacere le ragazze? Crede di fare qualcosa di “sbagliato”? Non saprei dirle se è sbagliato. Complicato sicuramente. Inusuale, forse. Ma è un po prematuro per definirlo sbagliato. Alla sua età non è ancora detto che si sia definitivamente costruita la sua identità sessuale e dunque questo suo periodo di confusione potrebbe essere proprio questo. C'è che, al di là del suo aspetto esteriore, lei sta cercando di capire “chi è” veramente e quale ruolo si sente di impersonificare nel grande spettacolo della vita. Difficile, sicuramente, ma cos’altro dovremmo fare? E se proprio uno sbaglio lo devo trovare, allora mi farebbe piacere che lei tutto questo lo facesse per trovare, davvero, qual è la sua parte nel mondo, qualunque essa sia.
E non per reazione o per odio, o solo per essere più forte. Non sono motivi così buoni. Non creda che solo chi si pone con forza sia davvero forte (e non dico tanto per dire: si guardi intorno). E se lei, per le sue esperienze, arriva a dire che gli uomini fanno soffrire, le assicuro che conosco molti uomini che hanno il cuore a pezzi perché le donne fanno soffrire.
E non le nascondo che oggi ci sono veramente tanti tipi diversi di uomini, almeno quanti ce ne sono tra le donne. Forse la realtà è che, nel campo sentimentale, è così tanto facile fare sciocchezze che non ha senso pensare di trovare un modo sicuro per non ritrovarsi a soffrire. Nel gioco dell’amore si sofre e forse ne vale la pena, perché poi è veramente bello quando, invece, ci si scopre felici.
Ma questo vale per tutti, a prescindere dal vestito che indossiamo.
Forse perché, in questo gioco, c’è sempre un momento in cui, se vogliamo andare avanti, quel vestito che abbiamo scelto con cura ce lo dobbiamo togliere.
Nessuna paura. Ma incrociamo le dita. E avanti così.

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre , «Preferisco stare con le mie amiche anziché con il mio ragazzo: Cosa mi succede?» , Paura di essere omosessuale, lo sfogo di un ragazzo e la risposta dello psicologo , «E se fossi lesbica?»: forse è solo paura e ipocondria , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria

Oggi al cinema

Il castello Di Rod Lurie Azione/Drammatico Usa, 2001 Un generale condannato al carcere militare, un colonnello aguzzino, uno scontro in crescendo tra due personalità. Nei panni del generale, Robert Redford torna ad emozionarci in un film ad altissima tensione. Guarda la scheda del film