Magazine Martedì 8 aprile 2008

Sos studio: facciamo un gruppo d'aiuto?

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Care e cari,
ho ricevuto diverse mail di solidarietà nei confronti di M che non riesce a studiare. Ne pubblico -senza commento- una sola perché con le altre mi avete chiesto di mettervi in contatto con lei. Dovreste sapere che non posso per scelta e perché non ho i vostri indirizzi, la posta mi viene rispedita da mentelocale.it.

Ma vedo che l'argomento interessa, quindi vi propongo di scrivere ancora -volendo pubblicherò i vostri indirizzi così potrete fare da voi- e affrontare l'argomento dal vostro punto di vista. Mi interesserebbe
una verifica sulle mie ipotesi, perché possiamo sempre correggere il tiro insieme; mi interessano le esperienze di chi magari ci è passato e poi ne è uscito; mi interessano le emozioni e i sentimenti di chi ci è ancora dentro, ma ha già trovato qualche risposta.
Non credo che questo tipo di "crisi" abbia la stessa origine per tutti, ma è la prima volta che avete voglia di parlarvi e magari aiutarvi, quindi il mio spazio è a vostra disposizione.

Auguri a tutti,

Antonella



Solidarietà per M.

Cara Antonella,
qualche giorno fa mi sono imbattuta per caso nella lettera di M.'82 (del 1° Aprile) e per un attimo ho avuto il dubbio di soffrire di arteriosclerosi precoce e di non ricordarmi di aver scritto su questa rubrica: infatti è
come se l'avessi mandata io la lettera, che mi chiamo M., che ho 25 anni e che non sono ancora laureata perché, a pochi esami dalla fine, neanche io riesco più a studiare, con modalità e per motivi molto ma molto simili a quelli descritti dalla mia omonima!
Al momento anche io vivo con le stesse ansie e paure di non riuscire a portare a termine una cosa che mi è costata tanta fatica e la stessa delusione per il dispiacere dato ai genitori, senza contare la rabbia di
vedere tutti i conoscenti laurearsi senza problemi mentre io resto bloccata da non capisco bene cosa e mi dispero non poco.

Leggere la lettera di M. in un certo senso mi è stata di conforto, mi ha fatto sentire meno "sola" in questa situazione, quindi invio questo messaggio per esprimerle la mia solidarietà e offrire supporto morale: forza
e coraggio, io continuo ad avere la speranza che in qualche modo se ne possa venire a capo. A questo punto pensavo: che si possa formare una specie di gruppo di aiuto tipo "alcolisti anonimi"?
M. 25

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Searching Di Aneesh Chaganty Thriller U.S.A., 2018 Dopo che la figlia sedicenne di David Kim scompare, viene aperta un'indagine locale e assegnato un detective al caso. Ma 37 ore dopo David decide di guardare in un luogo dove ancora nessuno aveva pensato di cercare, dove tutti i segreti vengono conservati:... Guarda la scheda del film