Magazine Venerdì 4 aprile 2008

Se lui chiede una pausa di riflessione

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Salve dottore,
da 5 giorni il mio ragazzo mi ha chiesto una pausa di riflessione dicendomi tramite sms che non gli piace come prosegue il nostro rapporto. Stiamo insieme da un anno e mezzo e già 7 mesi fa mi ha lasciato all'improvviso e dopo 2 mesi è ritornato perché si è reso conto di voler stare con me. Sto malissimo, ho paura che stavolta il non vederci e sentirci potrebbe portarlo a stare meglio senza di me e mi è chiedo: ma come è possibile? Mi dia una mano, non so che fare ,come comportarmi...
Grazie
By Sweetem

Salve Sweetem,
lei mi chiede di darle una mano ed io spero di riuscirci, anche se temo di non avere quelle risposte che lei vorrebbe. Ma andiamo con ordine. La prima cosa che mi è venuta in mente è che sarei curioso di sapere qunti anni avete , lei ed il suo ragazzo, ma poi mi sono reso conto che l’età non ha poi tutta questa grande importanza. Quello che importa sono i comportamenti. E su questi ci sarebbe molto da dire. In senso generale le cosiddette "pause di riflessione" sono una cosa senza senso. Una pausa da cosa? E per rifletere su che cosa e come? Un rapporto non è mica come una partita di basket, dove si chiede “T” , tempo, si ferma il gioco e ci si consulta. O meglio. Magari fosse così. Due persone dovrebbero fermare il loro gioco e chiedersi, l’un l’altro , quale è il senso della loro relazione. E così potrebbe anche funzionare. Ma una pausa di riflessione della serie “io adesso vado a fare una cosa di cui non ti dico e poi se mai torno, se mi sembra il caso” non è certo quello che si dice una seria riflessione, ma assomiglia di più ad una vacanza.
Detto questo - e cioè che il suo ragazzo va un po' troppo spesso in vacanza senza di lei - non sarò certo io a dirle cosa deve fare, ma temo che lei dovrà affrontare questo argomento prima che con il suo ragazzo, con se stessa. Tenendo conto che sì, è possibile che una persona giuri "tu sei la cosa più importante nella mia vita e senza di te non posso stare" e poi faccia dell’altro e le assicuro questo comportamento, non così raro, ha anche un nome. E non un nome bello.
Però nella sua lettera leggo che lei sta malissimo al pensiero che lui possa lasciarla e questo, che potrebbe essere segno di un nobile sentimento, potrebbe anche essere una sua paura che niente ha a che vedere con l’amore ma piuttosto con una sua paura di rimanere sola e questo potrebbe renderla più fragile.
Alla fine mi sono reso conto di aver detto molte più cose di quanto credevo all’inizio e neanche in un modo così ordinato come mi ero ripromesso. Ma spesso le cose non sono così lineari. Ci pensi su.

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , «Il mio ragazzo guarda film porno, ma non fa sesso con me» , Paura di sposarsi: i dubbi di una ragazza, la risposta dello psicologo , «Ho chiamato il mio compagno con il nome del mio ex: Cosa c'è che non va?» , Una donna ossessionata dal pensiero di essere lesbica chiede aiuto: il consiglio dello psicologo , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre

Oggi al cinema

Il testimone invisibile Di Stefano Mordini Thriller 2018 Adriano Doria è "l'imprenditore dell'anno" nella nuova Milano da bere. Guida una BMW, porta al polso un Rolex vistoso, ha una moglie e una figlia adorabili e un'amante bella come Miss Italia. Ma ora si trova agli arresti domiciliari, accusato di... Guarda la scheda del film