Concerti Magazine Giovedì 3 aprile 2008

I Queen: meglio con Robbie Williams

: lo storico gruppo inglese ha in programma la pubblicazione di un nuovo album di inediti e un tour mondiale (comunicazione di servizio: la data di Verona è stata spostata a Milano. I 2 concerti italiani, quindi, sono a Roma il 26 settembre e a Milano il 28 settembre 2008). Alla voce c'è Paul Rodgers, ma non tutti i fan sono d'accordo: il paragone con Freddie Mercury non regge.

Si infiamma il dibattito: dopo il commento indignato di e quello più favorevole di , abbiamo pubblicato l'opinione di , che ha risposto in maniera diretta ad Alessia.
Oggi è la volta di altri due commenti: Marika Monzani, in replica a Roberto, e Stefania Mazzucchelli.

Vuoi dire la tua su questo argomento? Vota nel sondaggio a fondo pagina, o scrivi a

Magazine - Buongiorno.
Avrei piacere di commentare l'intervento di Roberto Giangregorio, pubblicato a proposito della presenza di Paul Rodgers come vocalist dei Queen. Premettendo che Freddie è stato unico ed insostituibile, secondo me l'unico artista vivente in grado di prendere egregiamente il suo posto è Robbie Williams.
Non credo assolutamente che Robbie abbia chiesto di far parte dello show e Brian e Roger lo abbiano scartato perchè troppo scarso dal punto di vista musicale. È vero, con Williams si riempiono gli stadi perchè ha un carisma unico, molto simile a quello di Freddie Mercury, decisamente maggiore di quello di Paul Rodgers!

Inoltre Robbie ha una voce fantastica. Sa muoversi sul palco e intrattenere il pubblico. Rob stesso ha più volte ammesso che Mercury è insostituibile e sicuramente non ha la presunzione di essere paragonato a lui. Inoltre in questo periodo è per sua scelta lontanto dalle scene ma con Williams on stage i Queen avrebbero di sicuro un successo strepitoso, come ai tempi del grande Freddie.
Vi invito a confrontare queste due esibizioni live, della stessa canzone (We are the champions) e poi ditemi che vi mette più adrenalina addosso: Robbie Williams, qui e Paul Rodgers, qui.

Ringrazio dell'attenzione e mi auguro vogliate pubblicare queste mie osservazioni.
Cordiali saluti
Marika Monzani (RWItalia)
PS: anch'io come Roberto Giangregorio ho un blog....ma nel mio caso dedicato a Robbie.


Anch'io sono da anni una grande fan dei Queen e Freddy è stato ed ancora è l'unico e il più grande, nessuno potrà mai sostituirlo o eguagliarlo.
Io non conoscevo Paul Rodger prima dell'unione con quel che ne resta dei Queen, è un ottimo artista ma non ha nè le vocalità ne il carisma di Freddy.
Io credo che Brian, Roger e John abbiano cercato solo un cantante di buon livello e non qualcosa di simile a Mercury.

Personalmente avrei preferito George Michael o Robbie Williams, mi sembravano musicalmente e stilisticamente più compatibili con gli altri.
Per quanto riguarda le speculazioni commerciali... beh, hanno sempre fatto parte del gioco!
Rock on!
Stefania Mazzucchelli

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Soldado Di Stefano Sollima Azione U.S.A., Italia, 2018 Nella guerra alla droga non ci sono regole. La lotta della CIA al narcotraffico fra Messico e Stati Uniti si è inasprita da quando i cartelli della droga hanno iniziato a infiltrare terroristi oltre il confine americano. Per combattere i narcos l’agente... Guarda la scheda del film