Concerti Magazine Martedì 1 aprile 2008

I Queen continuano a regalare emozioni

: lo storico gruppo inglese ha in programma la pubblicazione di un nuovo album di inediti e un tour mondiale (a settembre 2008). Alla voce c'è Paul Rodgers, ma non tutti i fan sono d'accordo: il paragone con Freddie Mercury non regge.

Prosegue il dibattito: dopo il , oggi pubblichiamo quello di Roberto Giangregorio.

Vuoi dire la tua su questo argomento? Vota nel sondaggio a fondo pagina, o scrivi a .

Magazine - Ho letto il commento di Alessia e devo dire che non sono d'accordo su quasi nulla di quello che ha scritto. Seguo i Queen da molti anni ormai, ho anche un blog che celebra la loro musica e penso che la loro storia sia terminata nel 1991 con la morte di Freddie Mercury.
Sul fatto che Brian e Roger abbiano speculato sulla morte di Freddie poi non è assolutamente vero. Dal 1991 in poi oltre all'album Made In Heaven (a mio parere ben fatto) sono uscite due raccolte, non per volontà loro ma per contratti discografici già firmati in precedenza.

Non credo che Brian May morisse dalla voglia di pubblicare quelle raccolte. Anzi forse a speculare è stata la casa discografica perché le raccolte su Freddie sono state innumerevoli ed alcune anche di dubbio gusto vedi i tanti remix. A tutte quelle raccolte Brian e Roger non hanno assolutamente partecipato... magari l'avessero fatto avremmo avuto senz'altro dei dischi migliori.
I due muscisti nel frattempo hanno sfornato due album solisti davvero apprezzabili come Back To The Light (Brian) e Happiness? (Roger) ma non essendoci Freddie era inutile ascoltarli... I due musicisti hanno invece il merito di aver lanciato sul mercato dvd come Queen on Fire e Rock Montreal, a mio parere prodotti davvero interessanti sia per i fan di vecchia data che per i più giovani che si apprestano a conoscere questa mitica band per la prima volta.

Il nuovo disco e il relativo tour fanno parte di un progetto differente e dimostrano il coraggio di due artisti che, all'età di 60 anni, decidono di rimettersi in discussione, cosa che non è da tutti i musicisti. Quando ho letto che la scelta di Paul Rodgers è stata davvero imbarazzante sono scoppiato a ridere... immagino che venga criticato solo perché collabora con Brian e Roger e non per le sue qualità!
Ha un timbro di voce differente da Freddie ma molto penetrante e sono sicuro che l'alchimia con i riff suadenti della Red Special [NdR: la chitarra di Brian May] sarà fantastica.
Se ascoltate il singolo Say It's Not True e vi renderete conto che la terza parte, quando è Paul a cantare, è permeata di un pathos non indifferente... ed ha un suono alla Queen!
Sono stato anche io ai concerti del 2005 e ho visto più volte l'esibizione a Sheffield [NdR: concerto contenuto nel dvd Return of the Champions] e Paul è stato veramente bravo, non ha cercato di imitare Freddie, è stato umile e poi ha una voce da paura. Secondo me Brian e Roger non potevano scegliere vocalist migliore per questa nuova avventura! Anzi questo genere di collaborazioni (e sottolineo collaborazioni) potevano farsi un pò prima... un disco con Elton John o George Michael avrebbe forse fatto del male alla musica, non credo... c'è tanta porcheria pseudo-musicale in giro.

Se i due musicisti avessero avuto speculare non avrebbero scelto di certo Paul Rodgers ma Robbie Williams (che avrebbe fatto carte false per far parte di questo progetto) e avrebbero riempito gli stadi e guadagnato soldi a palate... ma prima dei soldi viene la qualità del prodotto e Brian su questo è molto pignolo (non me ne vogliano i fans di Robbie Williams ma credo che con Brian e Roger abbia poco in comune dal punto di vista musicale).
Non credo che comporre nuove canzoni, regalare nuove emozioni e suonare quelle canzoni che hanno fatto la storia del rock possa essere una colpa. Credo che la buona musica vada sempre apprezzata a prescindere da chi la componga... poi se l'album sarà un flop sarò il primo a criticarlo.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Educazione siberiana Di Gabriele Salvatores Drammatico Italia, 2011 Prima della divisione dell'URSS, al confine tra Moldavia e Ucraina, una comunità di "criminali onesti", deportati lì negli anni '30 da Stalin, vive rispettando un codice etico (divieto a qualsiasi tipo di droga e rispetto per gli anziani... Guarda la scheda del film