Magazine Venerdì 14 marzo 2008

«Ho paura dell'autostrada. È normale?»

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Guido la macchina da circa 40 anni! E tutti dicono che guido molto bene, ho una guida giovane e scattante, pochi riescono a parcheggiare in poche manovre come me, ma... no, l'autostrada no! Ho il terrore; in tanti anni credo di esserci andata due o tre volte sole e per causa di forza maggiore ma per pochi chilometri. Viaggio sempre in treno per spostarmi per lunghi percorsi oppure con mio marito alla guida. Ma anche con lui in autostrada non sono sicura. Se dipendesse da me guiderei da Trento a Reggio Calabria, percorrendo di paese in paese. Ma è normale? E perché mi succede? So però di non essere l'unica.
Grazie per la risposta.

Sì, non è l'unica.
Ci sono molte persone che come lei, hanno paura di guidare in autostrada, magari con sottili differenze, alcuni temono di più le gallerie, altri i viadotti, altri ancora la mancanza di uscite. In ogni caso è veramente un rifiuto molto forte. Lei mi chiede se è normale ed è una domanda che contiene diversi livelli di significato a cui si potrebbe rispondere che è normale quanto prendersi il raffreddore d'inverno se si esce non abbastanza coperti. In questo senso potrebbe essere normale ma non per questo non ci curiamo il raffreddore e se usciamo cerchiamo di coprirci adeguatamente.

Tutto questo per dire che questo tipo di paure, chiamate più appropriatamente fobie al di là del comportamento manifesto, contengono una serie di considerazioni legate ad una logica interna che non è quella che noi, superficialmente, definiamo razionale.
In altre parole, per lei, così come per altri, la sua paura dell’autostrada si manifesta in quanto legata sia a dei significati più simbolici e sia a dei comportamenti che scattano, ormai quasi senza sapere perche, in un modo automatico. La buona notizia è che ci sono ottimi psicoterapeuti che possono aiutarla a superare questi problemi senza neanche dover aspettare troppo tempo.
Buona giornata.

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre , «Preferisco stare con le mie amiche anziché con il mio ragazzo: Cosa mi succede?» , Paura di essere omosessuale, lo sfogo di un ragazzo e la risposta dello psicologo , «E se fossi lesbica?»: forse è solo paura e ipocondria , Doc Omosex? Forse è solo ipocondria

Oggi al cinema

The children act Il verdetto Di Richard Eyre Drammatico 2017 Giudice dell'Alta Corte britannica, Fiona Maye è specializzata in diritto di famiglia. Diligente e persuasa di fare sempre la cosa giusta, in tribunale come nella vita, deve decidere del destino di Adam Henry, un diciassettenne testimone di Geova... Guarda la scheda del film