Concerti Magazine Venerdì 30 marzo 2001

Lalepre raddoppia

Leggi l'articolo raddoppia. Ad affiancare l’avviato pub di Piazza Lepre arriva uno spazio interamente dedicato alla musica. Chiediamo a Diego Dettori di parlarci di questa nuova creatura

“Si tratta di un prolungamento de Lalepre, non di due locali separati. Si potranno comprare e vendere cd nuovi e usati. Cercheremo di stare dietro alle nuove uscite, ma ovviamente non ci possiamo mettere in competizione con i mediastore, anche perché il nostro dovrà essere un pubblico diverso. Il cliente non sarà quello che ci chiede se abbiamo un disco, lo compra e se ne va. Abbiamo studiato il locale come un’esposizione di cd, che possono essere guardati, ascoltati e quindi, eventualmente, comprati. Il cliente è una persona che si può fermare anche due ore nel locale, magari sedersi al computer e ascoltare qualsiasi brano anche da internet. E se dopo aver acquistato il cd si pentisse, può sempre riportarlo entro cinque giorni, pagando solo 5000 lire. Non so se altri negozi a Genova offrano un’opportunità del genere. So che a Milano e Torino è una consuetudine. Alcuni lo utilizzano anche per aggirare la legge che proibisce il noleggio dei compact disc”.

Che orari di apertura osserverete?
“Sette giorni su sette dalle 16 alle 24. Questo posto vuole costituire un ponte tra la vita diurna e quella notturna del quartiere. Infatti si inserisce in un’ottica di riqualificazione di Piazza Lepre e dei vicoli circostanti (vedi anche: Leggi l'articolo e Leggi l'articolo ). Stiamo anche pensando a una libreria, con forte impronta multimediale, che dovrebbe andare a completare una cittadella viva ad ogni ora del giorno. Speriamo solo che presto ci sia qualcun altro che abbia voglia di investire in questa zona”.

Non temi, facendo ascoltare musica da internet, di cullarti la serpe in seno?
“Innanzitutto va chiarito che l’ascolto è legale. Ti dirò di più. offre ai suoi clienti un servizio di creazione di compilation su richiesta. Siamo in trattative per configurarci come tramite reale tra l’utente web e il portale”.

Poi mi presenta Fabrizio Caudana, l’architetto che ha studiato l’arredamento del locale. Ribadisce che l’idea era quella di non creare uno spazio di passaggio, ma che invogliasse a fermarsi. Ecco quindi il motivo delle poltrone “Fracchia” (quei sacchi informi resi famosi dalla gag di Villaggio) accanto ai lettori di cd, degli sgabelli per sedersi e navigare comodamente in cerca di musica su internet. Per descrivere le scelte davvero originali per l’illuminazione, l’esposizione dei cd o la valorizzazione dello spazio dovrei dilungarmi troppo, e non basterebbe la mia scarsa dialettica di architetto mancato, ma vi assicuro che vale la pena di fare un salto in Piazza Lepre per passare un paio d’ore rilassanti. Ad ascoltare musica, ma anche a guardarla.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Searching Di Aneesh Chaganty Thriller U.S.A., 2018 Dopo che la figlia sedicenne di David Kim scompare, viene aperta un'indagine locale e assegnato un detective al caso. Ma 37 ore dopo David decide di guardare in un luogo dove ancora nessuno aveva pensato di cercare, dove tutti i segreti vengono conservati:... Guarda la scheda del film