Magazine Giovedì 13 marzo 2008

Ragazzi e musica classica: si può fare

Magazine - Caro bimbo dai 5 anni in su, lo sai che Vivaldi suonava con le dita a una velocità incredibile? Chi era Vivaldi? Il figlio del panettiere. Il figlio del barbiere. Il figlio del droghiere. Non che la mamma fosse una donna poco fedele. Ma semplicemente che al tempo si faceva la fame e quel pover’uomo del padre del genio musicista faceva in contemporanea più mestieri per sbarcare il lunario. Ma aveva una grande passione per la musica, tanto da portare il piccolo Antonio in giro per ogni dove ad ascoltarlo suonare, da violinista, nell’orchestra di San Marco.
Antonio aveva sette anni. Tale e quale al padre: chioma rossa, folta, e l’amore per le melodie. Tanto che a 13 anni compone la sua musica religiosa. Hai mai provato tu, fanciullo, a suonare il violino? Quattro corde da pizzicare o sfregare con l’archetto: dal sol al re passando per il la e il mi. Prova a cantarle. Cosa? Pensa: cosa ti evoca una discussione? Voci che gridano, piedi che sbattono per terra e oggetti che svolazzano qua e la… non è musica? E come chiamare lo scompiglio che portavano i litigiosi fratelli di Antonio per le calle di Venezia? A voi la scelta. Altrimenti non vi resta che ascoltare i 400 concerti composti per diversi strumenti dal maestro.

Ricordate solo le Quattro stagioni? Allora provate con una tra le quaranta opere da rappresentare su un palcoscenico fra arredamenti e ballerini, macchinari e costumi. E se proprio non volete spostarvi e preferite ascoltare la musica soave e allegra, vivace e lenta contenuta nel cd (della durata di 35 minuti) allegato al bel libro (pag. 32, 14,50 Eu) che sto sfogliando. Per viaggiare “alla scoperta dei compositori”, le Edizioni Curci hanno proposto 5 volumi monografici: uno più prezioso dell’altro.
Per esempio il volume dedicato a Mozart. Ecco: sapevate che aveva un orecchio straordinariamente fine che gli permetteva di individuare ogni errore di intonazione? O che Beethoven era talmente timido che parlava a monosillabi? Ma c’è pure Chopin nella nuovissima collana Curci young che si pone l’obiettivo, raggiunto a pieno titolo, di raccontare ai giovani lettori, con un linguaggio facile e moderno, i momenti più significativi dell’infanzia dei grandi compositori classici, arricchendoli con bellissime illustrazioni a colori, disegni originali, spunti di riflessione, suggerimenti per attività ricreative per rendere l’approfondimento della storia musicale un momento divertente e appassionante.
Cinque volumi da non mancar, per cinque compositori, impreziositi dall’ascolto del compact musicale dove è alternato l’ascolto dei brani alla narrazione, ripercorrendo le pagine attraverso estratti musicali, storie narrate ed effetti sonori. Le immagini e illustrazioni originali, sono invece utili per spunti di riflessione finalizzati ad attività creative ed esplorative.

Un divertente modo per avvicinare alla musica e ai suoi grandi protagonisti il vostro bambino e condurlo all’interno di un mondo affascinante dove suoni, racconti e immagini raccontano una storia dentro alla storia.
Così la scheda riassume la cinquina che non può dimenticarsi di Bach. Sapevate che il quadrisnonno di Bach ascoltava cantare l’acqua del suo mulino suonando la sua cetra e che a dodici anni Johann Sebastian suonava il clavicembalo, l’organo, il violino e la viola? E tu? Hai mai visto un liutaio a lavoro? Ascolta il disco contenuto nel volume quadrato, agile da sfogliare, e chissà che non nasca in te un futuro da musicista dopo esserne rimasto rapito.
Se ti piace ballare sei già a buon punto. Prova a battere il ritmo degli oggetti: potrebbe essere un gioco da fare a scuola o a casa. Divertiti a inventare una danza per qualsiasi musica ascolti. Ne sarai felice. Hai mai scritto le note su un quaderno di musica con i pentagrammi? Non c’è bisogno di conoscere la musica per inventare un’aria. Basta ti piaccia cantare. Provaci e ne rimarrai incantato.

di Roberta Maresci

Potrebbe interessarti anche: , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi

Oggi al cinema

Una storia senza nome Di Roberto Andò Drammatico 2018 Valeria Tramonti (Ramazzotti) è la timida segretaria del produttore cinematografico Vitelli (Catania), vive ancora a pochi passi dalla madre (Morante) ed è innamorata dello sceneggiatore Pes (Gassmann), per il quale scrive, non accreditata,... Guarda la scheda del film