Magazine Giovedì 28 febbraio 2008

Colori: ogni sentimento ne ha uno

Magazine - Ne ha fatti di tutti i colori: parlo di Annalisa Strada. Sono appena usciti gli ultimi tre volumetti della collana I sentimenti a colori di San Paolo (64 pp, 4.90 Eu), illustrata in modo essenziale da Maria Caprì. A distanza di un anno, mi ritrovo a chiudere il cerchio cromatico dell’opera. E se è vero che la mia memoria molleggiata ricorda che l’emozione non ha voce, il cuore ha la sua tavolozza d’artista. E viaggiamo nel cuore di ogni bimbo dai 7 anni in su.
Per lui: l'invidia è verde. La soddisfazione? Gialla. L'avidità? Violetta. La generosità? Blu. E la rabbia è a tinte rosse? Lo avevo già detto la volta scorsa, ora completo: la noia? Grigia. L’allegria? Arancione. E l’ansia? Viola. All’ordine pensateci voi. Sottolineando che solo questo ultimo titolo dedicato all’arte di fare lunghi respiri è scritto da Cosetta Zanotti, tutti i maneggevoli libriccini seguono la medesima impostazione: un racconto e poi la parentesi per prendere confidenza con l’impulso giocando.

Ad esempio per l’arancione: titola Guarda che faccia! e vi è narrata la storia dell’allegria contagiosa e di come si possa propagare in modo buffo. Alberto, nipote della portinaia, aspettava con ansia la fine delle lezioni per precipitarsi dalla nonna, all’ingresso del numero 20 di via Giustiniano. Alberto conosceva bene tutti Su tutti, però, Alberto nutriva una spiccata predilezione per Amanda Giordani. Ad Alberto, quella donna sembrava allegra. Alberto si domandava che cosa mai sentisse dentro per avere quell’espressione sul viso. Si sentivano come fuochi d’artificio nelle sue parole. «In giornate come queste mi sento allegra…» ed ebbe come una cascata di scintille in viso.
Nella parte ludica si saltella da un labirinto a un test, da citazioni di personaggi illustri a delle domande le cui risposte colorano d’allegria un clown.

Ad esempio per il viola: titola Respiro corto e vi è narrata la storia di un medico “mostruoso” che non trova la cura per l’ansia di un bambino. Per fortuna ci sono i nonni che abitano in una fattoria piena di animali e una vacanza con loro può fare davvero miracoli. Perché la cura segue il Bum-bum del cuore. Nel racconto del fanciullo: «Fai un respiro lungo, lungo!» aveva detto la dottoressa Mariarosa ascoltando il battito del mio cuore. «Non ce la faccio – avevo risposto - mi escono solo respiri corti!». Il cuore mi faceva di nuovo il solito scherzo: Pitipum-pitipam e il mio respiro corto era diventato cortissimo. Avevo una gran paura d’incrociare il mostro, perciò allungai il passo e mi diressi spedito verso l’uscita strattonando la mamma che inciampò col tacco nello zerbino e cadde. Pitipum-Pitimam il cuore andava a mille, poi a tremila. «Si salvi chi può!» gridai e caddi rovinosamente addosso alla mamma.
Nella parte ludica si saltella da un labirinto a una scheda in cui occorre completare la formula antiansia, da nuvole di balloon da collegare a ciascun sentimento tirato in ballo al filo che collega persone a descrizioni.

Ad esempio per il grigio: titola La ladra di colori e vi è narrata la storia di Aurelio che ciondola tra divano e tv, si veste svogliatamente, mangiucchia una caramella e si annoia. La sua vita appare grigia, senza colori. Parallelamente Lucetta nella casa di fronte si annoia, trova una rivista della sorella grande, prova a leggerla, ma si annoia, va in bagno potrebbe provare lo smalto della mamma, ma è indolente, poi scorge Aurelio al di là della strada e va da lui: come per incanto trovano qualcosa da fare insieme, un gioco semplice, ma è quello che ci vuole per uscire dalla noia e scoprire i colori vivi di una vita non annoiata: com’era noioso annoiarsi! Nella parte ludica si saltella da un test per conosce il proprio profilo a un labirinto, dal gioco dell’oca annoiata a qualche aforisma.

Per ascoltare i vostri colori, un consiglio: aprire il vostro cuore alla tavolozza di emozioni e scagliatele sulla superficie che preferite. Otterrete un’opera d’arte: voi stessi al naturale. Solo allora potrete tinteggiare gli umori facendo un fantastico girotondo con i vostri figli intorno al mondo delle umane coscienze.

di Roberta Maresci

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

The children act Il verdetto Di Richard Eyre Drammatico 2017 Giudice dell'Alta Corte britannica, Fiona Maye è specializzata in diritto di famiglia. Diligente e persuasa di fare sempre la cosa giusta, in tribunale come nella vita, deve decidere del destino di Adam Henry, un diciassettenne testimone di Geova... Guarda la scheda del film