Magazine Giovedì 29 marzo 2001

Guido Reni a Palazzo Rosso

Magazine - Di Guido Reni, uno dei massimi rappresentanti del classicismo emiliano, sono presenti a Palazzo Rosso un San Sebastiano e un San Marco Evangelista che appartengono a due diversi periodi della sua carriera.
Il San Sebastiano è riferito agli anni 1615-1616, subito prima della consacrazione ufficiale quale miglior artista bolognese vivente attraverso la pala dell’Assunta destinata alla chiesa genovese del Gesù.
Particolarmente significativa, in questa tela, è l’impostazione della figura del santo, in quanto lo storiografo bolognese secentesco Carlo Cesare Malvasia attesta la capacità dell’artista a dipingere “teste guardanti all’insù”.

“Se pari all’evidenza, alla forza e al rilievo fosse la scelta e la nobiltà delle figure, chi saprebbe desiderare altri meriti?
Ma in tutti questi ha grado insigne Guido Reni per un San Sebastiano locato sovra la porta, al quale richiamo ogni esame per far degna conclusione a questo salotto.
Sia che tu guardi d’appresso quel nudo di giovane robusto e avvenente, sia che te ne scosti come per contemplarvi più la natura che l’arte, egli ti segue, dirò così, e tien fermi i tuoi sguardi.
Da un fondo riposto di paese e di cielo risalta la figura, quasi l’aria vi spiri tutt’intorno, e le sue membra, sia nelle forme sia nei colori, palesano tutto il fiore della gioventù e della bellezza. Ma chi può dir tutto ove tutto è eccellente?
Tanto più nelle doti che spettano alla scelta e alla nobiltà, le quali ogni animo gentile per sé stesso va specolando, mentre a’ rozzi e lenti non si manifestano con ornate parole.”

Federigo Alizeri, Guida artistica per la città di Genova, Vol. II, Bologna, 1969

Vedi anche:
Leggi l'articolo

Nell’immagine: Guido Reni, San Sebastiano, Galleria di Palazzo Rosso, Genova

di Rosanna Tripaldi

Potrebbe interessarti anche: , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male

Oggi al cinema

La promessa dell'alba Di Eric Barbier Drammatico 2017 Nina Kacew è una donna irascibile e tenace che sogna il figlio ambasciatore e grande romanziere. Caparbiamente convinta che il suo ragazzo sia promesso a un destino fuori dal comune, ogni sua azione è votata alla causa. Cresciuto in Polonia... Guarda la scheda del film