Magazine Lunedì 18 febbraio 2008

Serial killer: in due si uccide meglio

Magazine - Gordiano Lupi è caporedattore della rivista Il Foglio Letterario, traduttore di vari autori cubani dissidenti, con una passione per il cinema, in particolare per quello di genere, possibilmente italiano anni '70: horror, noir, commedia sexy e così via. È sua l'introduzione al libro Commedia sexy all'italiana, e ha scritto Sexy Made in Italy, così come Tomas Milian, il trucido e lo sbirro.
Ma c'è un altro filone che attira in modo particolare, quello criminale. Dopo aver scritto, nel 2005, Serial killer italiani - cento anni di casi agghiaccianti da Vincenzo Verzeni a Donato Bilancia, è uscito all'inizio del 2008 il suo ultimo libro Coppie diaboliche. Dal delitto di Marostica al giallo di Omegna. 34 casi di crimine a due 1902-2006 (Editoriale Olimpia), scritto insieme alla criminologa Sabina Marchesi.

'In due si uccide meglio' è la tesi sostenuta dagli autori nell'introduzione al libro. Ma da dove viene questa curiosità per gli assassini seriali? «Non è un gusto per il morboso - dice Lupi - ma la curiosità di sondare il mistero umano, il suo lato oscuro. Cercare di capire perché succedono i fatti che abbiamo raccontato». Appunto, perché accadono secondo te? «Difficile dirlo - afferma Lupi - In un certo senso ognuno di noi è un potenziale criminale. Nella maggior parte delle persone, tuttavia, agiscono freni inibitori culturali, sociali e psicologici, che ci rendono innoqui. In altri questo non succede».

Alcuni dei protagonisti di questo libro sono nomi ormai mitici, come Bonnie e Clyde, altri sono entrati nella storia politica d'Italia, come i terroristi neri Giusva Fioravanti e Francesca Mambro, per arrivare alla cronaca dei nostri giorni con Erika De Nardo e Mauro (Omar) Favaro: «di certo quello che mi ha colpito di più - prosegue Lupi - il più affascinante e difficile da scrivere per l'assoluta mancanza di motivazioni». Ma si incontrano tante altre storie maledette, per lo più poco note, accadute molti paesi occidentali.

Spiegare le gesta di una persona è più semplice, quando sono in due le cose si fanno complicate. «L'unico fattore certo che siamo riusciti a trovare è la presenza di un rapporto incube/succube. Nella coppia c'è una persona che domina, e l'altra che segue. E quest'ultima quasi certamente non avrebbe commesso un reato se non avesse incontrato l'altra. Basta Pensare ancora a Mauro 'Omar' Favaro».
In queste trentaquattro vicende sciagurate, Bonnie e Clyde non è l'unico paradigma. Ci sono sorelle, fratelli, amanti, coppie omosessuali, vite difficili o semplicemente annoiate. I casi descritti sono spesso accompagnati da una nota cinematografica, che ricorda i film tratti da queste storie.

Tra i casi più cruenti, quello di Ian Brady e Myra Hindley, passati alla storia come gli assassini della brughiera. Mischiate due vite difficili, un po' di idee naziste, e troverete questa coppia di ragazzi che negli anni Sessanta terrorizzò il Regno Unito con una serie di omicidi efferatissimi e gratuiti. Ogni caso ha le sue peculiarità: le sorelle Christine e Le Papin hanno ucciso la loro padrona e la terribile figlia (è il 1933) dopo anni di soprusi e umiliazioni. Nathan Leopold e Richard Loeb, invece, uccisero un coetaneo all'inizio degli anni Venti per poter dire di aver fatto "qualcosa di eccezionale".

di Daniele Miggino

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Tre volti Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2018 Quando riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto, la famosa attrice Behnaz Jafari abbandona il set e insieme Jafar Panahi si mette in viaggio per raggiungere la ragazza. Il film è stato premiato al Festival di Cannes. Guarda la scheda del film