Magazine Giovedì 29 marzo 2001

Strada Balbi, Via Nuova e Nuovissima

Magazine - Strada Balbi fu aperta tra il 1606 e il 1620 per iniziativa pubblica (come già Strada Nuova) in una zona marginale della città, compresa tra i sobborghi medievali di Pré e del Roso a valle, e la mole del complesso di S. Brigida a monte.

“Questa città è costruita mirabilmente ad anfiteatro sul mare. Fra la montagna alta quattro volte Montmartre e il mare non c’è stato spazio che per tre strade orizzontali: una a otto piedi di larghezza ed è quella del grande commercio dove si trova del buon caffè; l’altra, dietro il porto è riservata ai marinai; la terza, quella più vicina alla montagna e che porta successivamente i nomi di Via Balbi, Via Nuova e Nuovissima, è una delle più belle strade del mondo.
Ha un’architettura ardita, piena di vuoti e di colonne, che ricorda quelle di Paolo Veronese oppure gli scenari della scala di Milano. Questa architettura magnifica e gaia sembra mancare di gravità se si arriva dall’interno dell’Italia. Arrivando dalla Francia, invece, l’occhio viziato dalla Piazza Bellecourt ed altre belle cose del secolo di Luigi XV è stupito dalla severità di Palazzo Brignole e dei vicini.
Ma questa è una faccenda di sensazioni e posso tutt’al più dire al lettore: sente come me? Faccia l’esperienza, avrà delle belle sensazioni da provare.
...Visitato il passaporto sono tornato nel tetro caffè a bere un‘altra acqua rossa e ho cercato di andare a visitare tre gallerie di quadri famosi in Via Balbi.
Siccome i proprietari hanno la bella abitudine di abitare negli appartamenti dove sono i quadri bisogna ripassare diverse volte; e spesso l’impazienza che desta in me il rifiuto altezzoso dei valletti mi toglie la gioia davanti ai quadri.
I ricchi di Genova occupano quasi sempre il terzo piano per poter vedere il mare.
I gradini delle scale sono di marmo ma quando dopo aver salito cento di quei gradini, un valletto, dopo avervi fatto aspettare un quarto d‘ora viene a dirvi: “Sua eccellenza è ancora nella sua stanza, ripassi domani” è permesso avere uno scatto di umore, soprattutto quando si deve partire la sera a mezzanotte”

Stendhal Memoires d‘un touriste, Le Strade Nuove, Genova, 1986

Vedi anche:
Leggi l'articolo

Nell’immagine: August o Laurent Deroy, Strada Balbi in “ Corografia ... ”, c.1830-40, litografia

di Rosanna Tripaldi

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Un piccolo favore Di Paul Feig Drammatico 2018 Ho bisogno di un piccolo favore. Mi puoi prendere Nicky a scuola? È questa la semplice, comune richiesta che l'affascinante Emily fa alla sua nuova amica Stephanie, prima di sparire senza lasciare traccia. Mamma single tuttofare, vlogger per passione... Guarda la scheda del film