Magazine Giovedì 29 marzo 2001

Il Palazzo dell’Università

Magazine - “Sono ad ammirarsi due belle facciate, sulla gran strada, ed è la principale, con l’altra a levante sulla piazzetta attigua del Gesù; lo stile di sua architettura lo rende uno dei più pregiati di Genova, ed ha tre ordini di finestre con due balconi.
La porta, che è magnifica, è da quattro colonne di ordine toscano in marmo di bozze guarnite elegantemente adornata.
Per una grande e maestosa marmorea scala, avente in testa due leoni in marmo maestrevolmente scolpiti da Domenico Parodi di Filippo, o dal Biggi di lui allievo ma su suo modello, intorno a cui al di sopra son dodici colonne di marmo disposte, quattro innanzi in due gruppi e otto ai lati, ascendesi al cortile.
È questo pur circondato da portici spaziosi aventi un bel colonnato in marmo e a ordine dorico in gruppi distribuito (...).
Sotto ai contropilastri corrispondenti nel muro è pure un basamento di marmo.
Dal fondo del cortile parte altra scala che in due si divide e al secondo ordine delle logge conduce, che altre trentadue colonne, ma ioniche comprende. Nel giro delle scale ne son pure altre quattordici doriche che l’adornano.
Finalmente altre sei colonne, volgendosi all’ingresso alle seconde logge, annunciano l’opulenza e la ricchezza di marmi profusi in questo superbo palazzo ”

Descrizione della città di Genova da un anonimo del 1818 a cura di Ennio e Fiorella Poleggi,Genova, 1974

Nell’immagine: Genova, Vestibolo dell’Università, s.d., incisione, cm 26x16,5, particolare, Collezione Ernesto Grosso, Genova

di Rosanna Tripaldi

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

L'uomo che rubò Banksy Di Marco Proserpio Documentario 2018 È il 2007. Banksy e la sua squadra si introducono nei territori occupati e firmano a modo loro case e muri di cinta. I palestinesi però non gradiscono. Il murales del soldato israeliano che chiede i documenti all'asino li manda su tutte... Guarda la scheda del film