Magazine Giovedì 31 gennaio 2008

Ford Ravenstock: irresistibile depresso

Cinico, ipocondriaco, irrimediabilmente depresso e con una scarsa attitudine alla vita. Il cinema, la letteratura e anche il mondo dei fumetto sono stracolmi di assassini che, a torto o a ragione, fanno dell’omicidio la loro attività principale.

Freddy Kruger o Jason, Hannibal Lecter, Lord Voldemord, Hitman, così come il Punitore, il Batman originale, immaginato e creato da Bob Kane o Wolverine sono tutti celebri dal ricorso alle armi e all’interruzione violenta della vita altrui.
Mai che uno sceneggiatore, uno scrittore, un regista o un disegnatore abbia pensato al suicidio come elemento su cui costruire una trama che fosse nuova e divertente. Fino ad ora.

Nel XIX secolo Emile Durkheim si distinse per uno studio decisamente rivoluzionario. La sua ricerca e le prove raccolte miravano proprio a dimostrare come il suicidio, l’evento, la scelta, l’atto ritenuto come il più egoista che un essere umano possa compiere sia in realtà un fatto sociale, l’effetto noto di una causa che affonda le sue ragioni nel cuore pulsante della società.
Alla base dell’idea diventata una sceneggiatura - premiata al Lucca project contest del 2005 - elaborata da Susanna Raule e trasformata in immagini da Armando Rossi c’è proprio il suicidio come opera d’arte, come scelta indotta pensata da un artista della morte, Ford Ravenstock.

Magro, pallido, elegante come un Lord e assolutamente, irrimediabilmente, depresso – tanto da cimentarsi lui stesso in infruttuosi tentativi di suicidio - Ford ha trasformato la sua enorme passione per la Signora con la falce in un lavoro ben pagato: secondo lui la vita non solo non ha valore, ma è anche un peso di cui è meglio liberarsi. Un vero filantropo.
Qualcuno potrebbe obiettare che un persuasore prezzolato altri non è che un sicario ma – come lui stesso puntualizza parlando con una cliente - «l’omicidio è volgare e qualunquista. L’estremo rimedio di un intelletto debole». Il suo lavoro è invece di «garantire suicidi assolutamente autentici, con tanto di angoscioso senso di inutilità, disperazione e biglietto di addio».

Ironico e divertente, curioso e intelligente. Il risultato è un progetto che non a caso è stato premiato a Lucca nel corso dalla kermesse fumettara per antonomasia.
Da qualche mese Ford Ravenstock fa parte delle pubblicazioni One shot, della , la casa editrice che in Italia pubblica l’Uomo Ragno.

L’albo, pubblicato lo scorso novembre, è solo il primo capitolo di una saga che sarà una e quatrina. Presto infatti – ad aprile 2008 – il tenebroso e ironico depresso creato da e Armando Rossi tornerà raccontare il lato ironico del suo lavoro grazie alle .
Provatelo e fatemi sapere, tenete presente però che non leggerlo sarebbe un suicidio.
Buona lettura!
di Francesco Cascione

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

The predator Di Shane Black Azione, Avventura, Horror, Fantascienza U.S.A., 2018 Dai confini dello spazio inesplorato, la caccia arriva nelle strade di una piccola città nella terrificante reinvenzione della serie di Predator nel progetto registico di Shane Black. Geneticamente modificati, attraverso la combinazione dei DNA di specie... Guarda la scheda del film