Magazine Giovedì 29 marzo 2001

Il Martirio di Giulio Romano

Magazine - La chiesa di Santo Stefano (XII sec.-1217, rimaneggiata nel XIV-XVII sec., poi restaurata) si presenta con una facciata a bande bianche e nere, un bel portale gotico con rosone e un presbiterio sopraelevato con tiburio ottagonale. All’interno conserva il Martirio di Giulio Romano e tele di Giulio Cesare Procaccini.)

“Uno dei quadri più famosi della città è il Martirio di Santo Stefano, a Santo Stefano, di Raffaello e Giulio Romano.
A prima vista non piace per la sua secchezza e severità; ma esaminandolo, non si può fare a meno di ammirare la varietà delle espressioni, l’energia degli atteggiamenti, e soprattutto l’attesa del dolore, la rassegnazione, la speranza e la dolcezza dipinte sul viso di Santo Stefano: è questo l’unico punto dove suppongo che Raffaello abbia messo mano all’opera del suo allievo”.

Charles de Brosses
Lettres Familières sur l‘Italie, 1739-1740



“A Santo Stefano c’è un quadro bellissimo di Raffaello che rappresenta il martirio del Santo.
Saulo è di lato e sorregge gli abiti. La parte superiore del quadro, dove sono Gesù Cristo, il Padre Eterno e gli Angeli, è di Giulio Romano, come le nuvole che li sostengono. Nulla è più grazioso di tutto l’insieme”.

Charles Louis de Secondat de Montesquieu
Voyage en Italie, Bordeaux, 1894-1896

Nell’immagine: Giulio Romano, Martirio di Santo Stefano, 1524, particolare

di Rosanna Tripaldi

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

L'ape Maia Le olimpiadi di miele Di Alexs Stadermann, Noel Cleary Animazione Australia, Germania, 2018 Guarda la scheda del film