Magazine Giovedì 29 marzo 2001

L’impeto del mare tra i due moli

La Liguria è sempre stata un luogo di transito obbligato per viaggiatori inglesi e francesi diretti in Italia che, al passaggio delle Alpi, faticoso e piuttosto pericoloso, preferivano un itinerario più rapido: in circa tre giorni di navigazione sul Rodano, arrivavano a Lione e a Marsiglia.
Da lì si imbarcavano per Genova e Livorno utilizzando le navi che avevano a disposizione in quel momento, di solito galere, tartane e feluche.
Il viaggiatore che non voleva percorrere la via del mare poteva seguire il sentiero a cui era ormai ridotta nel '600 e '700 l'antica Via Aurelia, percorrendolo a piedi, a cavallo oppure a spalle d'uomo su una sedia fornita di poggiapiedi, formula, quest'ultima, piuttosto complicata e dispendiosa.
Spesso il percorso via terra diventava obbligatorio, quando si aveva fretta e le imbarcazioni non potevano proseguire a causa delle condizioni del mare o dei pirati.
Il viaggio per mare era comunque il più seguito dai viaggiatori i quali, dopo aver scelto il vascello più adatto, si avvicinavano sempre più a Genova seguendo la costa.
In sette, otto giorni e a volte anche in meno tempo, si copriva il tragitto Marsiglia - Genova ma spesso l'entrata in porto era difficile a causa dei venti avversi; Genova non era un porto tra i più facili e sicuri e i viaggiatori si lamentavano di questo.

“La rada di Genova è molto brutta, e, per proteggere le navi sono stati costruiti due moli. Il molo nuovo sta a Ponente, all’inizio di San Pier d’Arena, ma è molto rovinato.
(...) Sul lato opposto si trova il Molo Vecchio, che inizia verso il centro della città.
Questi due moli formano quello che viene chiamato il Porto, che è uno dei peggiori della terra poiché il mare entra con impeto per l’apertura che c’è tra i due moli, soprattutto quando il vento soffia da mezzogiorno, da est e da ovest; tanto più che l’apertura tra due moli è molto larga ed esposta, il mare poco profondo, il fondale molto brutto; e così le navi arano sulle ancore, urtano le une contro le altre e pochi anni fa un bastimento rischiò di affondare”.

Charles Louis de Secondat de Montesquieu
Voyage en Italie, Bordeaux, 1894-1896

Nell’immagine: Illustrazione, da J. Furttenbach, 1627
di Rosanna Tripaldi

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Alps Di Giorgos Lanthimos Drammatico Grecia, 2011 Un gruppo di quattro persone denominato Alps (un'infermiera, un paramedico, una ginnasta e il suo allenatore) offrono, dietro pagamento di un’elevata cifra, un supporto particolare alle famiglie che hanno perso i propri cari. In un clima di annullamento... Guarda la scheda del film