Concerti Magazine Venerdì 18 gennaio 2008

Adriano Arena: lezioni di musica

Magazine - Una dose di Police, una di Toto, una di Mike Stern Quartet. Tecnica quanto basta. È la ricetta di Adriano Arena. Perfetto compromesso tra la fusion strumentale anni '80 e la pop music. La prima: un genere spesso troppo tecnico per le ignoranti orecchie di noi, che ci lasciamo ancora colpire da quella che chiamo l’efficiente semplicità. La seconda: in questo caso si parla di commerciale semplicità; limpidezza estrema di suoni, perfetto sincronismo tra tutti gli strumenti, strutture scontate…che non sempre sa emozionare!

Il chitarrista genovese ha la bravura di estrapolare gli elementi più originali e comunicativi di questi generi, ben riconoscibili nel suono del suo strumento; con un Rude Mode – per citarlo – raggiunge al meglio l’intento che si propone nelle note di copertina: «non ho voluto realizzare un cd dove l’unico strumento che suona è la chitarra, ho provato a unire il mio modo di suonare a quello di tanti musicisti, cercando di catturare sensazioni ed emozioni di ognuno».

Possiamo immaginare cosa significhi essere chitarristi ad un livello avanzato: l’ego è messo a dura prova, specialmente quando si parla dei generi succitati. Eppure Adriano, in tutta umiltà, lascia spazio alle emozioni, al mood, una sorta di brainstorming continuo tra tutti i musicisti; ora Pippo Matino, ora Barbara D’Alessio, ora Stefano Gajon. Sembra di sentirlo il suono di Andy Summers su A-Synchronic-al Idea, forse proprio tributo a Synchronicity, ultimo disco del trio di Copeland e Sting.

Molto belle e China Girl, atmosfere mistiche e rilassanti quasi tratte dal Trio Bobo. Originale Ansia, formata da due parti molto distinte. Una nota che ritengo importante è che nessuno dei brani supera i 6 minuti. Sui dischi di nomi come Alain Caron, Frank Gambale o Scott Henderson è passato quasi un quarto d’ora quando ci accorgiamo di essere ancora alla prima traccia del disco. L’efficacia della semplicità è coadiuvata sempre dalla capacità di sintesi. E anche in questo Adriano ci da una bella lezione di musica.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Ascensore per il patibolo Di Louise Malle Drammatico, Thriller Francia, 1958 D'accordo per uccidere il marito della sua amante, un uomo dopo aver commesso il fatto rimane intrappolato nell'ascensore dell'abitazione dove é avvenuto il delitto. Un'escalation di tradimenti, omicidi progettati e commessi, di dettagli che complicano... Guarda la scheda del film