Magazine Venerdì 4 gennaio 2008

La poesia come un accidente

© www.boratto.it

Il libro di Giorgio Boratto, La poesia come un accidente..., , è stato pubblicato nel settembre 2004. Dal primo gennaio 2008 è scaricabile gratuitamente in formato PDF nel blog dell'autore. Per scaricarlo clicca qui.

Magazine - Giorgio Boratto: poeta, giornalista, critico letterario, ceramista e chissà cos’altro ancora. Di sicuro autore di un piccolo libro (come lui stesso lo definisce), un misto di prosa e poesie pubblicato col titolo La poesia come un accidente... (Caroggio Editore, pag. 116, 5 Eu), Boratto confessa di essere vecchio (Giorgio: mai confessare la vecchiaia, neanche sotto tortura, ndr); la sua pubblicazione - compendio di esperienze condensate in intense liriche e prose venate di malinconia - ha contorni di consolazione filosofica. In verità Boratto, più che filosofo, è credente; la sua fede punta direttamente a Dio con la sola intermediazione dell’amore femminile e della ideologia. Essere di sinistra per lui significa bontà, carità, salutare agli incroci delle strade, viaggiare in seconda, volere la pace, essere vessilliferi unici dei valori che si identificano in Libertà, Giustizia, Uguaglianza, Solidarietà.

Boratto si dichiara attivista politico; scrive su giornalini di quartiere, collabora a testate giornalistiche e web magazine (uno fra questi, mentelocale). I suoi brevi racconti narrano di tempi andati, di mamme che dalle finestre chiamano i figli che giocano in strada, d’una Genova che non c’è più ma che rimane nel cuore. La sua Genova ideale ha odore di mare e sapore di pietra, la stessa di cui - dopo avervi appoggiato le labbra di bambino curioso - non ne dimenticherà il gusto. A Genova dedica la sua poesia forse più riuscita, uno scenario di barche carruggi madonne baldracche e molti palazzi; contrasti e infiniti stili che fanno dire “ti sento mia di ognuno sei sua”.

Il librino di Boratto scorre come acqua di ruscello; viene voglia di leggerlo tutto d’un fiato. Il consiglio è tuttavia di assaporarlo poco per volta, odorarne le essenze in momenti di rilassatezza. Se vi trovate una pagina bianca, lo stesso Boratto invita a scriverci qualcosa; magari un accidente di poesia che può succedere a tutti.

di A. C.

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Parlami di te Di Hervé Mimran Commedia, Drammatica Francia, 2018 Alain è un rispettato uomo d'affari e un brillante oratore, sempre in corsa contro il tempo. Nella vita, non concede alcuno spazio alle distrazioni e alla famiglia. Un giorno, viene colpito da un ictus che interrompe la sua corsa e gli lascia come conseguenza... Guarda la scheda del film