Magazine Domenica 25 marzo 2001

Erminio Risso, signore dei manoscritti

è detentore di un potere assoluto e fantastico. Non è un supereroe e neppure un dittatore del libero stato di Bananas.
Più semplicemente, Erminio (che è di Genova, anche se per lavoro è spesso a Milano) decide della vita e della morte dei manoscritti. Svolge il suo lavoro di consulenza principalmente per la Feltrinelli (per i cui tipi ha curato anche la recente raccolta di saggi di Sanguineti, e l’editing de di Maurizio Maggiani), ma occasionalmente anche per Bompiani e Rizzoli.

"In realtà il mio compito è di leggere il manoscritto e di redigere una scheda, secondo i criteri stabiliti dall'editore. Se si tratta di un romanzo, per esempio, giudico l’articolazione e la complessità della trama. E comunque non decido io della pubblicazione o meno del manoscritto. C’è un procedimento di scrematura precedente, e dopo che io ho dato giudizio positivo, il testo passa per altre mani. Penso che ci debbano essere almeno tre letture, poi il manoscritto arriva al direttore della collana".

Quanti manoscritti ti capita di esaminare ogni mese?
"Direi quattro o cinque, ma quelli buoni sono davvero pochi. Sarà che in Italia c’è davvero più gente che scrive di quanta non legga. Così il mercato è congestionato. La Feltrinelli pubblica dai 9 agli 11 libri di narrativa italiana all’anno. Considera che tra questi ci sono i vari Benni, Maggiani, Tabucchi: resta davvero poco spazio per gli esordienti".

Cosa si deve fare per poter sperare di accaparrarsi un po’ di quello spazio?
"Ci si può rivolgere a dei piccoli e medi editori. (vedi anche Leggi l'articolo ) e hanno cominciato con Castelvecchi e DeriveApprodi per poi approdare a Einaudi. I piccoli editori sono disposti a rischiare e hanno più spazio in catalogo. L’ideale, quando si invia un manoscritto ad una casa editrice, è di presentarlo con una esauriente lettera esplicativa del proprio lavoro e allegare altre pubblicazioni presso piccoli editori di qualità ed eventuali recensioni".

Sì, ma per molti è difficile arrivare anche alle piccole case editrici: Aldo Nove aveva la benedizione di , Ammaniti lo mandava papà, eccetera. Che fare?
"Tanti ricorrono alla pubblicazione a pagamento. Il precedente illustre è Moravia, che si fece finanziare dal padre la pubblicazione de . Ma il canale più interessante oggi è Internet, che moltiplica la possibilità di sguardi e rappresenta un importante esercizio di libertà".

mentelocale ha uno spazio dedicato ai beginners, agli aspiranti autori: dà loro qualche dritta.
"Innanzitutto bisogna essere autocritici. Non basta un’idea brillante, 2 o 3 parti riuscite in un testo. Bisogna elaborarlo, portare la scrittura a un livello massimo di perfezione, anche per non rischiare di essere autori di un solo libro riuscito. Eppoi bisogna essere convinti. Penso ad , che ha insistito per più di dieci anni prima di pubblicare. Io sono stato uno di quelli che ha letto e giudicato positivamente Esordi.
Ma la cosa più importante, probabilmente, è non essere ossessionati dalla pubblicazione: portare avanti le proprie idee senza abbattersi. Del resto la scrittura è l'esercizio migliore per crescere e per conoscersi. E quando si manda un manoscritto a una casa editrice, sincerarsi che questa abbia una collana adatta al tipo di testo: inutile spedire poesie a Feltrinelli, che non ne pubblica".
di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Lo sguardo di Orson Welles Di Mark Cousins Documentario 2018 What's in the box? Cosa c'è nella scatola? si chiede Mark Cousins cineasta e studioso di cinema, già autore della sua nota (e preziosissima) rilettura personale della storia del cinema in The Story of Film (2011). Grazie all'accesso... Guarda la scheda del film