Concerti Magazine Giovedì 22 novembre 2007

A Natale perché non un disco in offerta

Magazine - Natale si avvicina e come ogni anno stiamo per essere sommersi dal consueto diluvio di uscite discografiche studiate su misura per rimettere in sesto i fatturati dell’industria del disco. Ma anche ideate per fornire a tutti gli indecisi un aiuto nella scelta del regalo da fare all’ultimo momento. Quest’anno poi la fantasia degli uffici marketing sembra non avere limiti: cofanetti, versioni deluxe di materiale edito e riedito, Cd con T shirt, Cd singoli clonati a forza di versioni alternate, scampoli di prove e B-sides fino a diventare cofanetti sestupli: tutto è pronto e già sugli scaffali per la grande abbuffata di dicembre.

Non si riesce davvero a vedere la fine di questa tendenza ed anche se oramai si può presumere che quasi tutti gli italiani abbiano ogni disco di Mina o Battisti, un inedito che giustifica il triplo a prezzo pieno si riesce sempre a trovare.
Eppure non è così difficile scovare qualcosa di buono, nuovo o vecchio, a prezzo abbordabile, per rimpinguare la collezione, colmare qualche storica lacuna o per trovare un’idea regalo che possa stimolare interesse e curiosità di amici e amiche.

Una personale lista di consigli per acquisti musicali natalizi, trovati nei reparti meno battuti dei negozi di musica, parte da un gruppo italiano e nuovo, gli Ardecore, che ha inciso due cd per le edizioni de Il manifesto e che è facile trovare a 10 Eu ciascuno: Ardecore del 2005 e Chimera del 2007.
"Murder ballads de Trastevere" sono state definite le canzoni degli Ardecore, un improbabile quanto azzeccato incontro fra il cantante romano Gianpaolo Felici, il chitarrista del gruppo pop rock Karate, Geoff Farina, ed il gruppo romano di free jazz Zu. Stornelli romaneschi cantati davvero “de core” in salsa noir.
I due dischi, che si presentano racchiusi in una raffinata confezione grafica, sono il prodotto di uno dei pochi progetti musicali davvero originali e stimolanti emersi in Italia negli ultimi tempi.

Arrotolando indietro di 30 anni il nastro della storia per veleggiare su tutt’altri territori, si incontra l’intera epopea dei Dire Straits, offerta a chi si sia perso quella felice stagione del soft rock chitarristico a più o meno 6 Eu per ogni capitolo. I miei preferiti sono sempre stati e restano i primi due, l’omonimo Dire Straits e Communique, a dispetto degli enormemente più conosciuti Making films e Brothers in arms. I neofiti che scoprano solo oggi le prodezze di Mark Knopfler e soci possono poi approfondire alla stessa spesa con tutte o quasi le opere soliste del leader.

Se invece è il jazz ad attirarvi maggiormente, in questo periodo c’è davvero da sbizzarirsi fra le proposte low cost di grandi capolavori. Fra tutti segnalo i Weather Report, di cui si trova pressoché tutto ad un presso compreso fra gli 8 ed i 10 Eu. La musica di Wayne Shorter, Joe Zawinul, da poco scomparso, e della impressionante lista di capiscuola che nel corso di quindici anni di carriera sfilarono all’interno del gruppo, resta una attualissima ed originale sintesi di jazz, rock e musica del terzo mondo, suonata tanti anni prima che si parlasse di world music. Il meglio, per me, è in Black Market del 1976 ed in Heavy Weather del 1977, entrambi con il grande Jaco Pastorius al basso, seguiti dal terzetto dei primi anni settanta di Sweetnighter, Mysterious Traveller e Tale Spinnin. C’è inoltre il doppio live 8:30 che non andrebbe lasciato nei negozi a questi prezzi.

Sempre in campo jazz si trova molto di Miles Davis, di cui bisognerebbe però avere o almeno conoscere tutto e quindi in questo caso è molto più facile dare consigli: basta pescare a caso.
Se poi proprio non potete fare a meno del classico cofanetto natalizio, ne segnalo uno, distribuito da Materiali Sonori, molto ben organizzato e non esoso, dedicato ai trenta anni di attività di un gruppo storico degli anni 80: i Tuxedomoon. In 77 – 07 trovate l’ultimo cd del gruppo Vapour Trails, un cd live inciso sempre quest’anno, un altro disco di inediti incisi fra il 1977 ed il 1997 ed un dvd con video, materiali d’archivio e l’opera senza parole Ghost Sonata. Che si può desiderare di più per 30 Eu?

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

I soliti ignoti Commedia Italia, 1958 Scombinato quartetto di ladri di mezza tacca tenta un furto a un Monte di Pegni periferico. Il colpo va buco, ma si fanno una mangiata. Uno dei pilastri della nascente commedia italiana: la sua eccezionale riuscita nasce da una scelta azzeccata degli... Guarda la scheda del film