Magazine Venerdì 19 ottobre 2007

Morchio: Le cose che non ti ho detto

Avevo lasciato Bruno Morchio - scrittore genovese, autore della saga che ha come protagonista l'investigatore Bacci Pagano - che mi raccontava di un libro pieno di luci e colori, con il Bacci di sempre, le indagini, le pistolettate, le sue solite beghe famigliari. Ma in fondo Con la morte non si tratta era un grande tributo a una terra amata e da amare, la Sardegna. Ed era anche la prima volta che l'investigatore Pagano usciva dai caruggi. Oggi ho tra le mani Le cose che non ti ho detto (Garzanti), l'ultima fatica di Bacci Pagano (e di Bruno), da poco uscito in libreria. È tutto il contrario del precedente, niente più panorami mozzafiato, bagni e grigliate: una storia proiettata verso l'interno, votata all'introspezione, in cui i personaggi sono destinati a fare i conti con il proprio passato e con la storia. Se Con la morte non si tratta era un'ode alle bellezze Mediterranee, Le cose che non ti ho detto è un omaggio alla psicanalisi. Non a caso, come , questo romanzo è stato forse più faticoso degli altri: «mi ha distrutto - sono parole dell'autore - penso che per un bel po' non scriverò». Tranquilli, fortunatamente si è ripreso in fretta.

Le verità dei fatti e le verità sepolte nel fondo dell'anima: la nuova indagine di Bacci Pagano. Questo il sottotitolo del libro. Bruno, psicologo di mestiere, conosce bene il mondo delle verità dell'anima. Da un soggetto in qualche modo intimo all'autore nasce un libro intenso, in cui come sempre i personaggi sono analizzati nei minimi particolari, scandagliati nelle attitudini, nei sentimenti e nelle debolezze. Difficile non riconoscersi in qualcuno di questi. Il salto di qualità rispetto agli altri romanzi della serie è tangibile.

In Le cose che non ti ho detto è un pretesto per porre una riflessione sulla società contemporanea. Morchio ha detto: "se c'è una cosa che mi lega al suo investigatore, questa è la difficoltà di accettare il terzo millennio". Ovvero la crisi dei valori che li hanno cresciuti, compresa la psicanalisi. La ricerca della verità oggi non interessa più, è svenduta, data in pasto al mercato, sostituita da farmaci comodi, rapidi, efficaci.
La polizia sta all'investigazione come la psichiatria alla psicanalisi, dice a un certo punto Bacci. Ecco il legame tra due metodi che fanno della verità un punto fermo (investigazione e psicanalisi) e altri due che risolvono le pratiche molto più sbrigativamente. Oggi, è chiaro, queste ultime vanno per la maggiore. C'è, insomma, un accento - neanche troppo celato - di malinconia, disorientamento, disillusione: l'epoca dei sogni è finita e al suo posto non è arrivato nulla, anzi, possibilmente incubi.

di Daniele Miggino

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Skyscraper Di Rawson Marshall Thurber Azione U.S.A., 2018 Will Ford, è un ex leader del Team di Recupero Ostaggi dell’FBI e veterano americano di guerra, che ora valuta la sicurezza dei grattacieli. Durante un lavoro in Cina trova il più alto e sicuro edificio del mondo improvvisamente in... Guarda la scheda del film