Concerti Magazine Giovedì 22 marzo 2001

Altri mitici tre

Magazine - Segue da Leggi l'articolo

Dopo l’articolo sui mitici tre, mi sono arrivate parecchie mail: devo notare che tendete a disperdervi! Questa è l’ultima volta che riporto le classifiche per intero. Non è facile limitarsi a tre, ma proprio quella è la sfida…
Cominciamo dai disciplinati:

1 The lamb lies down on brodway – Genesis
2 Eye in the sky - Alan Parson Project
3 Abracadabra - Steve Miller Band
diciamo che queste sono le tre colonne "sonore" del mio personale ingresso nel mondo della musica, oggi i gusti sono completamente cambiati ma di tanto in tanto mi siedo, mi rilasso, e metto su un disco dei mitici tre e se chiudo gli occhi torno immediatamente indietro nel tempo anche con un po' di nostalgia. (Davide)


I Genesis continuano a spadroneggiare…

Non desidero classificarli secondo un ordine in stile "Superclassifica Show"...sicuramente, "Achtung Baby" degli U2 (1991), "Grace" di Jeff Buckley (1994, se non erro) e "Definitely maybe" degli Oasis (1994). Credo, pero', che piu' che di albumssss, sia lecito parlare di singoli "storici". Posso? (domanda retorica...)"Until the end of the world" degli U2, guarda caso tratto da "A. B.", "Walking in my shoes" dei Depeche Mode, "Smells like teen spirit" dei Nirvana e la grandiosa "Stairway to heaven" degli Zeppelin... solo per citarne alcuni. (Teardrop)

Ehm… Se ci mettiamo a parlare di canzoni è la fine!

Ok, accetto la provocazione... questi sono i miei tre dischi delle 13.30 perchè sono sicuro che oggi pomeriggio sarebbe già variata.... proprio perchè la musica è emozione e le emozioni variano anche col variare della loro colonna sonora:
1) EXILE ON THE MAIN STREET (Rolling Stones)
2) SGT. PEPPERS..... (The Beatles)
Non credo che questi due abbiano bisogno di motivazioni particolari, basti l'importanza rivestita dalle opere e dai loro esecutori nella storia del rock'n roll.
3) SECONDS OUT (Genesis) probabilmente il miglior disco dal vivo mai registrato! (Giancarlo)

Oh! Beatles e Rolling Stones. Potevamo farne a meno? Direi di no.

Che dire? La penso come noodles. i Genesis sono stati i piu' grandi, ma non certo quelli di calling out station e nemmeno quelli di Duke o You can't dance, ma i primi primi, anni 1967-74, percio' direi:
Nursery Crime (the clock.....tick tock, on the mantlepiece.....)
Selling England by the pound (in Fifth of Fourth c'é un assolo di Steve Hackett che vale oro)
Per il terzo sono indeciso. io propenderei per un gruppo ritenuto da molti una copia sbiadita dei genesis, gruppo adesso quasi del tutto scomparso ma ancora in attivita': a proposito tra poco uscira' l'ultimo album: Marillion. e il loro disco che sceglierei e'
Script for a jester's tear (just another forgotten son...)
Sara' banale, ma secondo me il Progressive Rock e' nato dai Beatles. (Sandro)

Sono d’accordo. Temo che tutto sia nato dai Beatles...
“concerti” Paolo Conte
“kind of blue” Miles Davis
“us” Peter Gabriel (Dada73)

Un hip hip urrà per l'entrata di Paolo Conte. Ragazzi, ma possibile che la musica italiana me la studiate così poco? Paolo Conte è un dio.

La risposta di Gabriel al mio commento sulla sua classifica:
Effettivamente "The dark side of the moon" e "The Joshua Tree" sono scelte abbastanza scontate, due dischi su cui si è detto e scritto tutto quello che si poteva dire. Il mio secondo in classifica dei Pink Floyd sarebbe comunque stato "The wall" e non "Wish you were here" proposto da Noodles. La scelta de "La voce del padrone" è stata istintiva, tutti i brani del disco (o quasi) sono stati singoli di successo, le musiche sono "facili", quasi banali, i testi sono semplici ma le idee che stanno dietro a tutto sono pesanti ed sempre attuali. E non credo sia facile fare un disco così, non credo si possa pensare a tavolino, deve venire da solo; credo più ad un istinto di Battiato che ad un progetto studiato nei dettagli, confermato dal fatto che il tutto, come dici tu, è stato messo insieme con mezzi limitati, con la casa discografica pronta a puntare il dito sull'eventuale insuccesso. Sono assolutamente d'accordo con te quando dici che prima di affermare che un disco è mitico deve passare un bel po' di tempo e se ne devono valutare la longevità e l'attualità. Succede spesso anche per i film: esce il "Titanic" della situazione, chiunque è pronto a definirlo il proprio preferito, il migliore di tutti i tempi e dopo un anno nessuno se lo ricorda o quasi.

Meditate, e votate cliccando per segnalare i vostri mitici tre!

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Searching Di Aneesh Chaganty Thriller U.S.A., 2018 Dopo che la figlia sedicenne di David Kim scompare, viene aperta un'indagine locale e assegnato un detective al caso. Ma 37 ore dopo David decide di guardare in un luogo dove ancora nessuno aveva pensato di cercare, dove tutti i segreti vengono conservati:... Guarda la scheda del film