Filumena Marturano - Magazine

Filumena Marturano

Teatro Magazine Teatro della Corte Ivo Chiesa Mercoledì 21 marzo 2001

Magazine - di Eduardo De Filippo
con Isa Danieli, Antonio Casagrande
scene Bruno Buonincontri
musica Pasquale Scialò
regia Cristina Pezzoli
produzione Compagnia Gli Ipocriti

Scritta nel 1946, la commedia di Eduardo, acclamata da pubblico e critica, prende spunto da un fatto di cronaca avvenuto a Napoli che riguarda la storia di una donna, ex-prostituta, non moglie bensì convivente con un borghese da venticinque anni, che riesce a farsi sposare fingendosi moribonda. Il personaggio di Filumena, ispirato e interpretato dalla sorella Titina, viene successivamente incarnato da Regina Bianchi, protagonista anche del riadattamento televisivo del 1962. Indimenticabile la versione cinematografica del ’64 di Vittorio De Sica con Sophia Loren e Marcello Mastroianni che tuttavia nella seconda parte tradiva il testo di Eduardo a favore del lieto fine.
Il nuovo spettacolo (prima rappresentazione dopo la morte di Eduardo) della Compagnia Gli Ipocriti vede protagonisti, nel ruolo di Filumena, l’attrice napoletana Isa Danieli e in quella di di Domenico Soriano, Antonio Casagrande, già interprete del maggiore dei tre figli nella versione televisiva di FILUMENA realizzata da De Filippo per la RAI negli anni cinquanta. Si tratta di una sfida che la regista Cristina Pezzoli trova assolutamente percorribile dal momento che, osserva lei stessa “c’è ancora tanto da raccontare di questo testo”. Secondo la Pezzoli è assolutamente necessario uscire dalla “sindrome da confronto” e affrontare il testo e i suoi personaggi come ‘classico’, sottolineando i punti di contatto con l’intera produzione artistica dell’uomo di teatro Eduardo.

Curiosità: esiste anche una

Per chi volesse avere

La nostra recensione Leggi l'articolo

Potrebbe interessarti anche: , Netflix: i 3 film da vedere a casa ai tempi del Coronavirus , Il Coronavirus ferma le soap opera: da Beautiful al Posto al sole stop alle riprese , Coronavirus, fare teatro nonostante la chiusura: chi, come, dove