Magazine Venerdì 14 settembre 2007

Lettino virtuale: lo psicologo risponde

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Carissimo Dott. Ventura,
sono un ragazzo di 23 anni e da circa un anno e mezzo non riesco a dormire più come un tempo... ovvero tranquillamente, ma soprattutto almeno 8 ore! Come mai? Premetto che camomilla e sedativi vari sono serviti a poco, in quanto l'idea di andare a dormire e sapere che ormai ho questo "problema" mi costringe a fare un dormiveglia di 4/5 ore - non di più - con almeno due risvegli durante la notte. Dal punto di vista lavorativo, a parte qualche responsabilità, va tutto bene, ma non è questo il punto perchè comunque quando vado a letto non penso più di tanto al lavoro.
Altra cosa fondamentale è che da quando ho iniziato ad avere questi problemi (marzo 2006) mi sembra di essere un po' depresso, anche perché ho iniziato a pensare a cose negative quali: sarò malato d'ansia? Di depressione? Di insonnia? Nervosismo? Boh, chi lo sa? Fatto sta che senza prendere neanche un farmaco ne sono uscito, ma se ripenso a quel periodo esco pazzo, è stato davvero difficile.
Forse il non dormire la notte è legato al ricordo di quel periodo, come se fosse stato un trauma per me? In quel periodo non appena entravo nel letto e prendevo sonno venivo svegliato in maniera del tutto inconscia da chissà quale pensiero, con un susseguirsi di tremori alle gambe. Ora ho prenotato un esame per la tiroide, anche se dubito che c'entri qualcosa, perché la mia e come una "voglia di non dormire". Non so se mi spiego e quindi penso sia frutto solo della mia psiche: non riesco a lasciarmi andare del tutto quando vado a letto, non stacco mai la spina del cervello. Sembrerebbe come una forma di "masochismo" nei miei confronti, un farmi male da solo inconsciamente...
Questo è tutto, dottore.
Grazie

Il sonno è una fase molto delicata nell’esistenza di una persona, sulla quale agiscono ed interferiscono molti elementi. Dal mio punto di vista, e quindi per quello che riguarda l’aspetto intrapsichico, credo che lei abbia espresso chiaramente il suo problema definendolo come una voglia di NON dormire e credo che potrebbe essere proprio così. A questo punto però ci sarebbe da chiedersi: perché mai lei e il suo inconscio non volete dormire? Anzi, come mai avete quasi "paura" a dormire?
Forse dovrei conoscerla un po' meglio per saperlo con maggiore esattezza, ma di sicuro ci possono essere almeno due versanti critici: uno riguarda il fatto che passare dalle attività della veglia alla passività del sonno, per alcuni, può essere visto come una perdita di tempo, del tipo "con tutte le cose che ho da fare non posso perdere tempo a dormire…". Sensazione che è poi facile vivere come un senso di impotenza o di incapacità ad affrontare le cose o a difendersi. Dall’altra parte il sonno è anche il momento in cui si rielaborano molti pensieri e molti vissuti intimi che, durante il giorno, la barriera del ragionamento contiene e spesso, inibisce.
Ora, questo non è proprio tutto quello che succede durante il sonno, ma è sufficiente per chiederle: come mai dovrebbe avere paura di tutto ciò? Ovvero, come mai lei dovrebbe sentirsi indifeso verso l’esterno e/o verso l’interno? E come mai, invece, non potrebbe ritornare a considerare il momento del dormire come una risorsa? Ah, dimenticavo, tutto questo è ulteriormente complicato dallo stile di vita… non è facile passare dalla veglia al sonno se sino a poco prima si sono fatte delle attività intense o stressanti… o meglio, magari ci si addormenta di botto ma poi, passata la fase del riposo fisico, ci si risveglia bruscamente e a quel punto, nel cuore della notte, è il momento peggiore per lasciare liberi quelli che noi non sappiamo più se essere pensieri o cosa.
Morale: dovrebbe concedersi un poco più di tempo per arrivare al sonno, con più calma e con più fiducia, magari facendo anche qualche esercizio di rilassamento. Almeno come primo passo per capire se è solo lo strascico di una vita troppo accelerata durante la giornata o se c’è sotto qualcos’altro.
Mi faccia sapere.

Sempre sabato, in piazza De Ferrari, Mad world 4 Emergency, il Feel Good Production dj set feat. Vaanya Diva e Mr. Millie.
Mad World for Emergency è una compilation con la quale molti artisti (tra gli altri Asian Dub Foundation, Dum Dum Projects, Ojos de Brujos, Macaco, Navigator) provano a richiamare l'attenzione sul lavoro che da tempo tanti volontari svolgono in giro per il mondo, attraverso la pubblicazione di un CD a sfondo benefico: i proventi della compilation saranno devoluti ad Emergency.

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , «Il mio ragazzo guarda film porno, ma non fa sesso con me» , Paura di sposarsi: i dubbi di una ragazza, la risposta dello psicologo , «Ho chiamato il mio compagno con il nome del mio ex: Cosa c'è che non va?» , Una donna ossessionata dal pensiero di essere lesbica chiede aiuto: il consiglio dello psicologo , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre

Oggi al cinema

Nostra Signora dei Turchi Di Carmelo Bene Drammatico Italia, 1968 Al protagonista, un intellettuale così febbricitante da sembrare patologicamente irrecuperabile, riaffiora un confuso ricordo di una strage compiuta dai turchi a Otranto. Immedesimandosi in una delle vittime, nell'inconscio proposito di sviscerare... Guarda la scheda del film