Magazine Martedì 11 settembre 2007

Baci e abbracci, Claudia

Dopo , approdata a Genova a fine luglio, prova generale di una possibile Notte bianca, non erano mancate critiche e lamentele. La città era stata invitata ad accogliere i turisti e i partecipanti alla regata nel migliore dei modi, ma non era stata all’altezza. Negozi quasi tutti chiusi, pochi i ristoratori aperti fino a tardi, poca informazione. Colpa di chi? Difficile dirlo. Forse un po' di tutti. Ma certo è che , annunciata da tempo, avrà senza dubbio esiti migliori.
L’organizzazione lavora da molto tempo a questo evento, che porterà a Genova migliaia di visitatori e che riempirà le strade e le piazze di spettacoli, eventi culturali, concerti e altro. Questa volta i commercianti hanno trovato un accordo con la nostra Sindaco , che, mi pare, si stia dando un gran daffare per svegliare le anime dormienti e mugugnanti di questa città. E non è cosa da poco. Bisogna riconoscerlo. E farle i complimenti.

Insomma ovunque, in ogni quartiere, succederà qualcosa. Non solo nel centro storico. E i giochi cominceranno già da venerdì sera, 14 settembre, nell’attesa della notte del sabato, e per qualcuno continueranno anche la domenica. Tre sere di vera grande festa, e davvero ce n’è per tutti i gusti e tutte le età. Al Carlo Felice, alle 20.30 del 14, inaugurazione della Stagione Sinfonica, con Stabat Mater per soli, coro e orchestra op. 58 di Antonín Dvorák, direttore principale il noto Daniel Oren. Chi non avrà voglia di allontanarsi dalla Valpolcevera, sappia che venerdì 14, nei giardini di piazzale Guerra, alle ore 17.30, ci sarà lo spettacolo della brava Laura Sicignano del Teatro Cargo, Il giro del mondo in 80 giorni. A Certosa, dal pomeriggio fino alle 23.00, le strade saranno invase da musicanti e animatori. A Sestri, in piazza Baracca, dalle 23.00, Francesco Baccini. Anche a Levante, a Boccadasse, il teatro non manca, appunto con il Teatro della Tosse, che mette in scena La notte delle favole, alle 21.00, nel Borgo di Boccadasse. E a Nervi, a Villa Gropallo, la Banda Osiris e le interviste impossibili di Dario Vergassola.

E poi si arriva al sabato, tanto atteso, con i grandi nomi e le grandi ospitalità. L’intramontabile Milva apre la nottata Jazzplatz a Fontane Marose. Al Porto Antico Bizzarri e Kessisoglu presenteranno PFM, Vittorio De Scalzi e Gnu Quartet, Tiziano Ferro. A De Ferrari ancora Baccini, Paoli, e Pagani. Enzo Jannacci in via del Campo. Ma vicino ai nomi, di tutto rispetto, ci sono anche altre performances e momenti culturali comunque da non perdere. In Centro Storico The Bourbon Street Company, dixieland brass band, itinerante. In via Garibaldi, Il Suono dei 5 Cortili, con musiche di Paganini, Mozart e Bach. A largo Eros Lanfranco, fino alle 6, ci sono i ragazzi di Solidarbus. In piazza Banchiere alle 22.30 Le Vedove Allegre un comico corteo funebre con musica e spettacolo. C’è solo l’imbarazzo della scelta.
Il comune ha fatto le cose per bene. Questa che vi ho dato è solo un assaggio di quanto avverrà in città, ma sappiate che c’è un sito, costantemente aggiornato, dove trovare l’elenco di tutti gli appuntamenti: www.genovaurbanlab.it

E per chi, come me, non avesse voglia di troppo rumore, c’è un’altra notte bianca che ci aspetta: quella dei Musei, aperti fino alle 2 di notte come il Museo Luzzati (gratuito) e tutti quelli di Strada Nuova. Non avete mai tempo per andarci? Ecco, questa è una buona opportunità. Ci sono molte Chiese e Basiliche visitabili fino alle 24. La casa della Musica e anche l’Archivio di Stato, pensa un po’.
L’accogliente ha invece pensato a una notte bianco e noir al Porto Antico Libri, Notte bianca con delitti. Con Anselmo Roveda, che condurrà la serata tra letture e interviste, e con i moltissimi scrittori della scuola genovese del giallo, come Andrea Casazza e Max Mauceri, Marco Menduni, Marco Massa e ancora e e molti altri fra gli invitati. Una nutrita rappresentanza. Insomma, bisogna fare un salto.

E se, nel vostro girovagare curioso e insonne, vi capitasse di passare per vico Indoratori, sappiate che organizza una notte di letture. Perché per molti, come me, la notte significa leggere, e so che tra voi ci sono molti, moltissimi lettori notturni. E allora quale migliore occasione per incontrarsi? Sarà un momento un po’ speciale, più tranquillo, dove leggere e commentare, se si vuole, alcuni pezzi di scrittori noti e meno noti, di poeti o cantautori.
Gli appuntamenti sono in particolare due. Alle 19.00, al momento dell’aperitivo, Il cibo raccontato. I lettori? Per cominciare Stefano Verdino, docente universitario, scrittore e fantastico lettore. Ho qui tra le mani un libro curato da lui. Genova in versi e l’entroterra ligure – Poesie del Novecento. Una raccolta imperdibile. E ancora altri lettori, come Ida Colucci, e Antonello Mura di Cairoli Musica, che sarà la vera garanzia per la sonorizzazione della serata. E poi un secondo appuntamento alle 22.30 circa, con Insomnia, la vera notte bianca del lettore.
Io ci sarò. E se anche voi avete un breve pezzo, anche vostro, da proporre, una riflessione che la notte vi ha suggerito, qualcosa che trovate del vostro scrittore o della vostre scrittrice preferita, siete invitati a leggerlo, sabato notte.
Ci vediamo lì.
di Claudia Priano

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Smetto quando voglio Di Sydney Sibilia Commedia Italia, 2014 Pietro Zinni ha trentasette anni, fa il ricercatore ed è un genio. Ma questo non è sufficiente. Arrivano i tagli all'università e viene licenziato. Cosa può fare per sopravvivere un nerd che nella vita ha sempre e solo studiato?... Guarda la scheda del film