Concerti Magazine Venerdì 7 settembre 2007

La prima Buridda compilation

Magazine - Se siete di Genova e avete un minimo di confidenza con la nightlife cittadina dovreste almeno aver sentito parlare del Laboratorio Sociale Occupato Autogestito Buridda di via Bertani. Un centro sociale, e quindi per tradizione legato a un determinato tipo di suoni e di generi: ma al tempo stesso, grazie all’ampiezza di vedute di chi lo gestisce, anche il quartier generale del collettivo , da anni attivo nella promozione dei migliori musicisti locali (e non) di area alternativo/indipendente. Dalla collaborazione fra queste due realtà ha preso il via, pochi mesi fa, L.S.O.A Buridda: progetto discografico che si prospetta ambizioso nella forma (una "miniserie" di compilation di cui la seconda è già in lavorazione), nei contenuti (brani editi e inediti dei migliori gruppi passati dal locale negli anni) e negli intenti (promuovere la scena cittadina e l'attività del laboratorio sensibilizzando in merito pubblico e addetti ai lavori).

Almeno per quanto riguarda questo primo volume risulta difficile contestare qualcosa: come accade in ogni compilation ci sono momenti migliori di altri, ma il raggio di suoni e influenze qui contemplato è talmente ampio che sta ai gusti dell’ascoltatore decidere quali siano i picchi. Per chi scrive, e senza nulla togliere al resto del programma (uno squadrone eccellente che è una gioia vedere riunito), a piacere sono tanto il post-rock nudo e crudo dei Dresda (con l’ottima My Funny Valentine, erroneamente riportata come John Wayne Shot Me) quanto quello più prog-friendly degli Hermitage, la cui Glass è definitivamente uno dei pezzi dell’anno. Bene anche il suono riot spinto dalle Starfish di Shahidki mentre non inganni il titolo proposto dai bravi indie-rockers : i ragazzi, già caldi in vista del prossimo Rural Indie Camp, hanno ribattezzato Rosso Attesa una quasi omonima traccia già sentita sul loro EP.

Niente da dire su Cut Of Mica: l’atterraggio meritatissimo su , un album convinto e convincente come Finally It’s Friday e i loro live-set sempre più apprezzati sono fatti che parlano da soli. Non stupisce che la loro Writing Is A Kind Of Sophisticated Silence sia chiamata ad aprire il cd. Unica alternativa possibile, nell’ambito first track, sarebbe stata la GRMX firmata dagli alfieri del do-it-yourself Cartavetro e già sentita su quel Bruxia uscito online per Anomolo Records: la si ritrova comunque più avanti, e al solito con piacere.

La tripletta dei sogni per il sottoscritto rimane tuttavia quella, totalmente inedita, introdotta da Fabio Zuffanti (che omaggia il locale con la title-track Buridda!, versione ridotta di quella sentita, ammirata e venerata all’ultimo Festival delle Periferie) e chiusa dalla Cluster Of Bees di Japanese Gum: un duo, quest’ultimo, che rispetto all’uscita per Marsiglia di qualche mese fa sta già dimostrando una crescita notevole. Nel mezzo si incastrano gli sperimentalismi di Fango Alle Caviglie, nuova creazione degli outsider della scena St.Ride.

L.S.O.A. Buridda Vol.1 la trovate nei negozi di dischi di Genova. Oppure, ancora meglio, all’interno del locale stesso, da comprarsi tra un concerto e l’altro. Il prezzo, popolarissimo, è di 5 Eu: pochi e utili per comprendere quanto di buono ha da offrire l’underground genovese. È un pulsare sotterraneo, appunto; che tuttavia, forte della sua qualità, ambisce a rimbombare fino in superficie.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Piccoli brividi 2 I fantasmi di Halloween Di Ari Sandel Avventura 2018 Una vera e propria invasione di mostri. Per una notte speciale - quella di Halloween - la più spaventosa dell'anno, le storie diventeranno tutte reali. Una casa distrutta, due ragazzini in bici, un libro ritrovato. Guarda la scheda del film